Shade, non il solito rapper: “Sono una pecora nera” Foto - Video

Shade, non il solito rapper: “Sono una pecora nera” Esce il 16 novembre Truman, il nuovo album di Shade, che […]

Shade, non il solito rapper: “Sono una pecora nera”

Esce il 16 novembre Truman, il nuovo album di Shade, che vanta featuting di tutto rispetto (da J Ax a Federica Carta, da Nitro a Emma Muscat, Grido e Bouchra) e che si presenta come un vero e proprio show, anche perché il rapper ci ha abituato ormai alla sua vena (talentuosissima) da entertainer.

Truman letteralmente indica l’essere una persona all’interno di un mondo di personaggi. – dichiara ai nostri microfoni – L’idea è venuta a Christopher, il mio manager. Mi ha consigliato di fare un pezzo con questo concetto, visto che entrambi siamo super fan del cinema e del film The Truman Show. Mi ha detto che sono sempre uguale, nella vita di tutti i giorni e sul palco. Non c’è un cambiamento. Forse c’è semplicemente un’esagerazione, ma di ciò che già sono”.

Matt & Bise, esce Mamma, ci siamo persi a New York: la nostra intervista

Un ruolo non facile per Shade, soprattutto in un periodo in cui il rap in Italia è caratterizzato da personaggi sopra le righe.

Mi sento una pecora nera. – afferma infatti – A volte mi arrivano insulti, mi dicono che sono uno sfigato, proprio perché non aderisco a una corrente o a un determinato tipo di atteggiamento. Non ostento troppo le cose che ho. Gli unici soldi che ho li spendo in maglie della Juve o in giochi della PlayStation. Preferisco una serata a giocare a Fifa ad una nel privé. Sono cose che non mi appartengono. Pazienza se qualcuno mi considera uno sfigato, sono proprio così“.

Come dimostrano brani come Amore a prima Insta o Replay, anche in amore Shade – rispetto ai colleghi – preferisce andare controcorrente.

“Mi viene spontaneo essere così, quindi è difficile soprattutto a ridosso di un’uscita, come questa del disco. – ci spiega – Mi faccio mille paranoie, penso che magari la gente possa non capire o prendermi in giro. Solo che non posso vivere realizzando i progetti pensando a come li vuole la gente. Non ne esci più. Io sono questo, purtroppo o per fortuna”.

Infine, chiediamo a Shade un commento sulla sua passione per il doppiaggio.

“Il doppiaggio è un modo per essere ogni giorno una persona diversa. – ci risponde – Ho fatto di tutto, ma quelli che preferisco sono proprio i personaggi completamente diversi da me. Ho ancora quella magia negli occhi grazie al doppiaggio. Spero continui”.

Mosè COV
Facebook Comments
Guarda la photogallery
Shade, esce Truman
Truman, una "persona in un mondo di personaggi"
Shade: "Mi sento una pecora nera"
L'amore secondo Shade