La Moschea di Roma: le due condizioni che vennero rispettate per la sua costruzione Video

La Moschea di Roma è una delle più grandi in Europa. Ci siete mai stati? Ecco alcune curiosità e informazioni utili per visitarla

La Moschea di Roma si trova nei pressi di Monte Antenne, a Roma Nord. È il più grande centro di preghiera d’Italia. Al suo interno possono essere ospitati fino a 12.000 fedeli. Se non l’avete mai visitata, vi consigliamo di farlo. Ecco alcune informazioni e curiosità.

Moschea di Roma: la storia della costruzione

Il progetto risale ad una visita nella Capitale del Re Faysal dell’Arabia Saudita nel 1966. All’epoca non c’erano moschee nella Città Eterna. Il governo italiano, nell’ottica di migliorare i rapporti con i paesi arabi, accolse la volontà e il finanziamento per la costruzione.

Il progetto fu affidato all’architetto Paolo Portoghesi, affiancato da Vittorio Gigliotti, Sami Mousawi e Nino Tozzo. La sfida fu quella di integrare la struttura in un contesto architettonico occidentale, rispettando però le caratteristiche tradizionali della cultura musulmana.

Furono poste due condizioni per la costruzione: l’assenza di altoparlanti per la chiamata alla preghiera; una cupola che fosse più bassa di quella di San Pietro. La prima pietra fu posta nel 1984 e l’edificio fu inaugurato nel 1995.

Giorni e orari di visita della Moschea

L’ingresso e la visita della moschea sono gratuiti. Si può accedere il mercoledì e il sabato mattina dalle ore 9.00 alle ore 12.30, ad eccezione dei giorni in cui cadono festività civili e religiose, del Sacro Mese di Ramadan e del mese di agosto. Il venerdì la Moschea è aperta solo per la preghiera. È possibile partecipare a delle visite in gruppi organizzati – prenotandosi. Tutte le informazioni sono disponibili sulla pagina Facebook della Grande Moschea di Roma.

Basilica di San Pietro, accade qualcosa di strano durante la messa: “un’esperienza spaventosa”

Alessandra Zoia

Nata e cresciuta a Roma, mi piace girare per eventi con videocamera alla mano. Passioni in ordine sparso: arte, danza, calcio, comics, games e videogames, cinema, teatro, serie tv, musica. Book addicted. Sono una nerd prestata alla nightlife.