Marco Mengoni racconta Atlantico: “Volevo vivere la gioia e la malinconia. Sanremo? Potrebbe darsi, ma chissà…”

Foto
Il 30 novembre esce Atlantico, il nuovo album di Marco Mengoni. Marco lo descrive usando la parola d'ordine "Lentezza" e su Sanremo commenta: "Il disco ha tantissime cose dentro, per cui potrebbe arrivare su un palco così importante".
- - Ultimo aggiornamento
loading

Marco Mengoni racconta Atlantico: “Volevo vivere la gioia e la malinconia. Sanremo? Potrebbe darsi, ma chissà…”

“Ho avuto bisogno di staccarmi dalla routine del mio lavoro. Venivo da tre anni di lavoro intenso ed ero scarico. Sono partito, ho sorvolato più volte l’Atlantico. Avevo voglia di scoprire cose che avevo lasciato in dubbio, cose che mi sarebbero servite per il nuovo disco. Avevo bisogno di stare da solo e riflettere. Una delle parole più importanti che posso usare per descrivere questo disco è ‘lentezza’ e la bellezza di assaporare tutte le cose. Sentivo che tutto mi scorreva dalle mani e io non avevo né coraggio né tempo di vivermi tutto. Volevo vivere la gioia, la tristezza e la malinconia”.

Così Marco Mengoni racconta Atlantico, il nuovo album in uscita il 30 novembre per Sony Music, che contiene in sé la storia di lunghi viaggi, ma soprattutto di un viaggio interiore, alla scoperta di se stesso.

Il Natale secondo Raffaella Carrà: “Il mio premio più grande? La gente che mi vuole bene”

“Ho viaggiato tanto – dichiara Mengoni in conferenza – per riempirmi di nuove influenze. Ho cercato nuove culture e sono cresciuto. Sto crescendo ancora”.

Tantissime le collaborazioni nel disco, a partire da Tom Walker, che ha duettato con Marco sulle note di Hola e con i Rudimental, che hanno prodotto Rivoluzione (“Sono degli idoli per me, mai avrei pensato che rispondessero così presto”). Mille Lire vanta invece la produzione di Takagi & Ketra.

La Casa Azul, prodotto come Voglio da El Guincho, è invece dedicato a Frida Kahlo e – a sorpresa – offre un cameo inaspettato, quello di Adriano Celentano, un “uomo dai mille silenzi” commenta Marco.

Amalia è invece dedicata ad Amalia Rodriguez, voce rappresentativa del fado e dell’universo musicale portoghese che vive in questo brano grazie alla voce di Vanessa Da Mata accompagnata dai Selton.

Un album ricchissimo di influenze, che arriva in Italia (e, per la prima volta, in tutta Europa) grazie anche a tantissime iniziative, ad iniziare dall’Atlantico Fest – Attraversa la musica, tre giorni di eventi a Milano a partire da giovedì 29 novembre. Per la prima volta un progetto musicale si traduce in occasioni di incontro, osservazione e condivisione, un nuovo modo di ascoltare attraverso diverse experience rivolte a tutto il pubblico.

I fan potranno incontrare Marco Mengoni anche al Fox Circus, l’evento milanese che si svolge dal 30 novembre al 2 dicembre negli spazi dell’hub creativo BASE: Marco sarà lì in veste di appassionato di serie tv ma anche come Ambassador italiano di National Geographic per la campagna internazionale Planet or Plastic, per la riduzione del consumo di plastica monouso.

Una parola, infine, Marco la riserva agli emergenti e all’importanza del Festival di Sanremo:

“Parte Sanremo Giovani e faccio un in bocca al lupo a tutti i giovani che parteciperanno. – chiosa – Spero che anche quelli che non saliranno sul palco abbiano la loro opportunità. La musica sta cambiando, si è aperta a tutto e sono contento che un ragazzo giovane, come me 15 anni fa, possa fare un disco con la tecnologia dalla sua parte. Questo progetto ha tantissime cose dentro, quindi potrebbe arrivare su un palco così importante. Who knows?”.

Eros Ramazzotti Vita ce n'è Pino Daniele
Guarda la photogallery
Marco Mengoni, esce Atlantico
I viaggi di Marco
L'Atlantico Fest - Attraversa la Musica
Marco e Sanremo