Perché Roma è definita la Città Eterna? L’errata attribuzione del famoso appellativo Video

Roma città eterna, quante volte abbiamo sentito utilizzare questa espressione, ma qual è la vera origine di questo famoso appellativo?

Roma è una delle città più visitate al mondo: ricca di storia, cultura, arte e archeologia. Un luogo che conserva antico e moderno e che – nonostante i tanti problemi tipici dei grandi agglomerati urbani – riesce sempre a sorprendere con la sua grande bellezza, anche nei posti più insoliti. Molti gli appellativi con cui ci si riferisce alla capitale, ma voi, ad esempio, sapete perché Roma viene definita Città Eterna?

Fontana di Trevi, perché si usa gettare le monete nella fontana? 

Roma Città Eterna: la falsa attribuzioni

La definizione di Roma come Città Eterna viene spesso attribuita erroneamente all’imperatore Adriano. In particolare, a lui viene attribuita il passaggio di un discorso che recita: “Altre Rome verranno, e io non so immaginarne il volto; ma avrò contribuito a formarlo. Roma vivrà, Roma non perirà che con l’ultima città degli uomini”.

LEGGI ANCHE >> Colosseo: l’inaugurazione fu un evento memorabile. Ecco quanti giorni durò la festa 

Leggendo queste parole è evidente che, chi le ha pensate, intravedesse l’eternità di questa città, che tanto importante è poi stata realmente nel corso della storia dell’umanità, divenendo centro spirituale e politico di tutto il mondo.

Adriano però non ha mai scritto né proferito questa frase che è invece contenuta nel romanzo di Marguerite Yourcenar, Memoria di Adriano, pubblicato nel secolo scorso.

Roma Tulipark, riapre il parco dei tulipani: l’indirizzo ancora segreto

Roma Città Eterna si deve a un poeta latino

Ma se non è stato Adriano a chi si deve allora il celebre appellativo? Perché ancora oggi viene definita Città Eterna?

L’origine della definizione sarebbe da attribuirsi a un poeta latino vissuto tra il 55 a.C e il 18-19 a.C. il suo nome è Abio Tibullo e fu il primo a usare quelle due famose parole nel suo secondo libro delle Elegie.

Qui si può infatti leggere l’esplicativo passaggio: “Né ancora aveva Romolo innalzato le mura dell’Eterna Urbe”.

Mai appellativo, comunque, fu così adatto per definire la grandezza di Roma. E sebbene altre città nel mondo  – come Tokyo e Gerusalemme – si siano a volte fregiate di questa definizione, Roma resta la prima, unica e vera Città Eterna. Da oltre due millenni.

(foto @kikapress)

Francesca Caiazzo

Giornalista professionista 'Made in Calabria'. Sorrido alla vita e alle persone. Amo il mare, il cioccolato e il mio lavoro.

ROMA

Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!