Villa Adriana si trova a 30 km da Roma ed è un luogo che lascia tutti a bocca aperta, anche Leonardo Da Vinci all’epoca rimase sorpreso

loading

Villa Adriana è a 30 km da Roma ed è un luogo ricco di storia, cultura e bellezza che con il passare del tempo resta immutabile. Infatti, a distanza di secoli, chiunque vi giunga non può fare a meno di perdersi nei meandri dei suoi giardini dove l’armonia e l’eleganza diventano una cosa sola. Leonardo Da Vinci restò esterrefatto da così tanta meraviglia.

Dove si trova Villa Adriana? A 30 km da Roma

Molti credono che Villa Adriana si trovi a Roma, in realtà è a 30 km dalla Capitale, precisamente a Tivoli. Si tratta, senza dubbio, di un’importante traccia storica risalente all’Antica Roma.

Cosa vedere a Villa Adriana

Villa Adriana è patrimonio dell’Unesco dal 1999. Si estendeva su un territorio di 120 ettari nella città di Tibur, attuale località di Tivoli. Era stata costruita come residenza dell’imperatore Adriano, risalente al II secolo d.C. , che rimandava al suo stile maestoso.

LEGGI ANCHE:–Aeroporto di Fiumicino, sai perché è intitolato a Leonardo da Vinci?

Per visitare Villa Adriana sono necessarie circa 2 ore, in quanto il parco archeologico di cui fa parte è molto ampio e ricco di dettagli a cui fare caso.

Una volta entrati, ci si dirige subito verso Pecile, un quadriportico in cui all’interno era presente un giardino con una lunga vasca centrale. Passeggiando, poi, si arriva al Cento Camerelle e l’Antinoeion risalente agli scavi del 2002 e il 2005; fu costruito nel 134 d.C. per omaggiare il giovane Antinoo, morto tragicamente nel Nilo nel 130 d.C.

Il percorso continua poiché le cose da vedere non sono di certo finite, immensa è la bellezza di Villa Adriana. Arrivati a questo punto, possiamo ammirare le Terme con Heliocaminus, l’impianto termale più antico della villa. E’ una vera e propria sala che all’epoca dell’Antica Roma era riscaldata.

Poi ancora la sala dei Filosofi, il Teatro Marittimo, uno dei monumenti più noti e rappresentativi di Villa Adriana.

Si raggiunge poi la Piazza d’Oro, il cui nome le è stato dato per il suo arredo architettonico e scultoreo. Visti la struttura, i decori, i giochi d’acqua che vanno a costituire la zona ed il materiale di costruzione, si pensa che l’edifico era stato realizzato per importanti funzioni pubbliche nonostante sia isolato rispetto al resto della Villa.

FOTO: SHUTTERSTOCK