La Carbonara è uno dei piatti più amati dai romani e non solo che mette di buon umore chiunque lo mangi ma fa bene alla salute?

loading

La carbonara è uno dei piatti tipici della cucina romana che mette d’accordo tutti, grandi e piccini, romani e non solo. E’ il primo gustoso e goloso che solo al parlarne fa venire l’acquolina in bocca. Guanciale, uovo, pasta e pecorino sono gli ingredienti che servono a renderlo speciale. Ma cosa sappiamo su questa prelibatezza? Ecco alcune curiosità.

LEGGI ANCHE: — Carbonara, sai quale tipo di pasta è più adatto per la Carbonara? Non è come credi 🍝 >>

Carbonara, curiosità sul piatto tipico della cucina romana

Chi ha detto che mangiare la carbonara fa ingrassare? Sfatiamo un mito! Gustarsi un buon piatto di pasta come la carbonara è possibile se fatto nel modo giusto, vale a dire nelle qualità idonee e all’interno di un piano alimentare specializzato. infatti, il primo di cui la maggior parte delle persone impazzisce ha proprio tutto: carboidrati, proteine e grassi.

I celiaci, chi ha un’intolleranza al glutine, chi ha disfunzioni tiroidee e chi soffre di gonfiore o costipazione intestinale possono mangiare un bel piatto di carbonara ma quali sono i consigli suggeriti dagli esperti?

Innanzitutto prediligere il guanciale alla pancetta e quindi non aggiungere olio così da non eccedere con il quantitativo di grassi; sarebbe meglio, poi, usare uova biologiche che stimolano il fegato e sono ricche di vitamina K2 utile per tenere le arterie pulite. Infine, gli intolleranti al lattosio potranno utilizzare un pecorino stagionato 30 o 40 mesi cosicché il lattosio è quasi nullo.

Per fare scendere l’indice glicemico della pasta, dopo averla scolata al dente, si consiglia di farla raffreddare un paio di minuti per poi farla saltare in padella con i condimenti scelti. Questo metodo di cottura farà ridurre anche il contenuto di amidi, rendendo, quindi, la pasta più digeribile e diminuendo il gonfiore! Infine, per contrastare la ritenzione idrica, sarebbe meglio abbinare al piatto una porzione di verdure amare.

FOTO: SHUTTERSTOCK