Gerry Scotti discriminato negli anni della scuola: “Al liceo i miei professori…”. L’impensabile confessione

Foto
Gerry Scotti ha confessato al settimanale 'Chi' di essere stato vittima dei pregiudizi durante gli anni della scuola. A metterlo in difficoltà sono stati proprio i suoi insegnanti. 'Quelle brutte osservazioni sono state una delle spinte che mi hanno fato diventare Gerry Scotti'.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Gerry Scotti discriminato? Il drammatico ricordo

In occasione del ritorno in tv di uno dei game show più apprezzati di sempre come Chi vuol essere milionario, [vip id=”7646″]Gerry Scotti[/vip] ha rilasciato una toccante intervista al settimanale CHI di Alfonso Signorini in cui è tornato indietro con la mente fino agli anni di liceo.

Difficile immaginare che dietro il sorriso rassicurante di zio Gerry si nasconda un adolescente cresciuto a suon di pregiudizi e discriminazioni, ma purtroppo è la realtà e il conduttore di Canale 5 ha raccontato sulle pagine di CHI quanto gli siano stati utili certi episodi di esclusione.

LEGGI ANCHE: — ‘Barbara D’Urso deve stare attenta’, la frecciatina di Gerry Scotti alla conduttrice di Pomeriggio Live

Al liceo i professori mi discriminavano perché mio padre faceva l’operaio. Ma questo mi ha aiutato a diventare quello che sono“.

[like2read fbpage=”https://www.facebook.com/funweekit/”]

Gerry Scotti discriminato, il racconto che spiazza quando era al liceo

Gerry infatti ha frequentato una scuola superiore piuttosto prestigiosa per i figli dell’alta borghesia milanese e ciò ha influito sul suo percorso di vita. Poi ha svelato un aneddoto che lo ha segnato per tanti anni e che gli ha comunque dato la forza e la determinazione per allontanare i pregiudizi da sé e dalla sua famiglia: “Cosa vi è venuto in mente di iscrivere suo figlio al liceo? Deve fare la scuola professionale”.

“Per fortuna i miei se ne sono fregati”, ha esclamato nell’intervista prima di aggiungere: “Quelle brutte osservazioni sono state una delle spinte che mi hanno fatto diventare Gerry Scotti“.

Al settimanale diretto da Signorini, il presentatore Mediaset ha poi parlato di [vip id=”7658″]Maria De Filippi[/vip] per cui ha avuto solo bellissime parole: “Quello che le posso invidiare è la sua capacità di lavorare con i sentimenti, infatti con lei mi commuovo spesso“ ha ammesso parlando di Tu si que vales.

Un Gerry Scotti così intenso, aperto e per certi versi serio non si vede tanto spesso: per questo motivo è solo da apprezzare ancor di più ciò che è e che fa in tv da 40 anni a questa parte.

nicolò caduta libera uscita preparata
Guarda la photogallery
Gerry Scotti discriminato negli anni della scuola:
Gerry Scotti, i pregiudizi mai dimenticati
Grazie a quelle parole Gerry reagì
Gerry e la rivincita sulle discriminazioni
+1