Litahmi, fiorisce l’eco-murales di Luogo Comune dedicato al Cedro del Libano

In arabo signfica "proteggere": l'opera, promossa dal Comune di San Cesareo in collaborazione con Yourban2030 è ricca di rimandi simbolici
-
loading

E’ stato inaugurato a San Cesareo, in provincia di Roma, un grande eco-murales dal titolo evocativo, “Litahmi”, che in arabo significa “proteggere”: a realizzarlo lo street artist Luogo comune, aiutato dall’artista Maria Bressan in arte Rosmunda.

LEGGI ANCHE – A San Cesareo due grandi murales mangia smog omaggiano il Cedro del Libano

L’eco-murales, realizzato con pittura Airlite che permette di assorbire 110 kg di Co2 nell’aria, è il primo di una serie di due opere, pensate all’interno dei festeggiamenti del 21 novembre per la Giornata degli Alberi a San Cesareo, dove è stata declinata in particolar modo a favore del Cedro del Libano, albero a rischio scomparsa. ll tutto è infatti promosso dal Comune di San Cesareo e finanziato da Regione Lazio nell’ambito del bando “Accordo di Programma per l’adozione coordinata e congiunta di misure per il miglioramento della qualità dell’aria nella Regione Lazio. Scheda n.4, Murales Ecologico e Campagna Informativa”, e a cura della no profit Yourban2030.

Eco-murales di San Cesareo: l’albero simbolo di benessere e sostenibilità

I due murales campeggeranno sul muro della scuola e del campo da calcio: uno dei tanti aspetti simbolici di cui questa opera è intessuta. “Litahmi” raffigura un cedro circondato a sua volta da altri alberi, inserito in una cornice naturale che fa tutt’uno con l’ambiente circostante: la narrazione dell’opera si compone quindi di diversi elementi collegati al tema dell’inquinamento, della minaccia climatica e della sostenibilità, ma lascia anche uno spunto di riflessione e d’interpretazione personale a chi la osserva.

foto Comune San Cesareo

Luogo Comune lo ha raccontato così: “Ho scelto di rappresentare l’albero perché gli elementi vegetali e gli elementi naturali sono elementi che spesso ricorrono nella mia poetica e nella mia ricerca artistica; in particolar modo la tematica dell’albero si legava molto al progetto di Yourban2030 perché il murale è stato realizzato con vernici fotocatalitiche, quindi che purificano l’aria dagli agenti inquinanti – proprio come anche gli stessi alberi fanno: e quindi il tema dell’albero e il tema dell’aria pulita si legano a doppio filo”

Il verde delle foglie aghiformi e del cedro è protagonista del murales, in un’apparente tridimensionalità, lasciando a chi guarda una sensazione di benessere e tranquillità, e dialoga  in maniera delicata con i colori del giallo, del rosa e del blu nelle loro diverse tonalità, andando a creare un’armonia di fusioni nel richiamo dell’importanza del Cedro del Libano nella storia dell’umanità.

Cedro del Libano rischia di scomparire: un richiamo dalla sua patria italiana

Il Cedro del Libano è oggi a serio rischio scomparsa: occupava intere montagne, ora ne è rimasta un’estensione totale, in Libano, di 17 km quadrati. La responsabilità è del cambiamento climatico che ha tolto al cedro le condizioni ottimali per il suo sviluppo ed ha permesso agli insetti che lo minacciano di proliferare sempre di più. Oggi più che mai il Cedro ha bisogno di protezione e celebrarlo durante la Giornata degli Alberi è un messaggio forte e chiaro, simbolico ma anche molto pratico: San Cesareo è infatti la patria italiana del cedro, che è stato portato in queste zone dagli antichi romani.

“Con questo progetto abbiamo voluto valorizzare il nostro territorio attraverso il patrimonio arboreo, partendo da un’opera green, dal contenuto altamente simbolico per San Cesareo, e che ogni giorno, sarà lì, un monito a ricordarci di proteggere gli alberi, così preziosi per la salute della Terra. Il cedro,tema dell’opera, è il nostro simbolo, il nostro emblema ed il filo conduttore dei progetti futuri nell’ottica del contrasto al cambiamento climatico” – ha dichiarato la Consigliera delegata all’Ambiente Annalisa Benincasa.

“Yourban2030” spiega Maura Crudeli di Yourban2030 “da sei anni a questa parte metaforicamente pianta alberi nelle città attraverso le sue opere di street art rigenerativa che oltre a generare bellezza e riqualificazione urbana, impattano positivamente sulla purificazione dell’aria attraverso l’azione fotocatalica delle eco pitture che usano i nostri artisti. Nella Giornata Nazionale degli Alberi noi vogliamo ricordare con questi due meravigliosi ecomurales l’importanza di preservare e valorizzare il nostro patrimonio arboreo e l’esistenza di nuove tecnologie green in grado di dare un contributo, seppur piccolo, alla lotta al cambiamento climatico

foto via ufficio stampa HF4

Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!

 
Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!