A San Cesareo due grandi murales mangia smog omaggiano il Cedro del Libano

Il maestoso Cedro, portato nel Lazio dagli imperatori romani, è a rischio sopravvivenza a causa del riscaldamento globale: a San Cesareo è protagonista della Giornata Nazionale degli Alberi
- - Ultimo aggiornamento
loading

Il Cedro del Libano è un albero maestoso e stupendo, diffuso soprattutto nel Vicino Oriente, Cipro e Libano, paese dal quale ha preso il nome e che ha deciso di rappresentarlo anche sulla sua bandiera: un piccolo serbatoio di questa inestimabile bellezza si trova anche vicino Roma, a San Cesareo, portato dagli imperatori romani che sceglievano la zona per le loro vacanze estive.

Cedro del Libano /shutterstock

Il Cedro del Libano è una specie ormai minacciata dal riscaldamento globale: le temperature troppo alte lo fanno germogliare in anticipo e viene quindi attaccato dai parassiti. Anche per questo il bellissimo albero è al centro della Giornata Nazionale degli Alberi 2022 e verrà omaggiato a San Cesareo con due piantumazioni (già in essere) e con un due monumentali opere di street art firmate dall’artista Luogo Comune, le cui immagini hanno già colorato palazzi e muri in tutta Italia, ma anche in Francia, Spagna e Inghilterra.

Due interventi di arte pubblica dal linguaggio simbolico che combina elementi della flora e della fauna per dare visibilità alla minaccia climatica, indicando la via da perseguire: la tutela del patrimonio arboreo, un tema di grande attualità di cui si sta parlando anche alla COP27, che si sta svolgendo proprio in questi giorni a Sharm El-Sheikh.

LEGGI ANCHE – L’aria di Manhattan diventa più pulita con l’eco murales di Yourban2030

Nel Lazio si parte da San Cesareo con il Cedro del Libano, scelto come testimonial per raccontare tutti gli alberi e la loro strategica importanza per la sopravvivenza nostra e del pianeta. Il Comune di San Cesareo ha quindi promosso un evento inclusivo, finanziato da Regione Lazio e a cura della no profit Yourban2030.

Making of del murales di San Cesareo (foto di Maura Crudeli)

A San Cesareo si è puntato soprattutto sui giovani: sono 100 i giovanissimi studenti coinvolti in questa opera di sensibilizzazione, ai quali è stato chiesto di rappresentare sè stessi attraverso gli alberi, un modo per capire qualcosa in più sul nostro pianeta e il suo ecosistema, ma anche sul ruolo che le nuove generazioni devono e possono avere nella sua tutela.

LEGGI ANCHE – Macron e Meloni migranti a Parigi: la provocazione dello street artist Ozmo

Saranno poi due i grandi eco-murales che verranno inaugurati il 21 novembre a San Cesareo: una superficie totale di 200 metri quadrati che grazie alla tecnologia Airlite mangia-smog riusciranno ad eliminare 110 kg di Co2 nell’aria. I due murales, realizzati sulla parete dell’Istituto Comprensivo di San Cesareo e sul muro di cinta del Campo sportivo di San Cesareo, assorbiranno 10 kg di Co2 durante il primo mese di applicazione e porteranno a zero l’inquinamento di 40 auto a benzina euro 6 ogni giornoeliminare. A livello ambientale sarà come aver piantato altri 8 alberi di Cedro a San Cesareo.

L‘ inaugurazione avverrà lunedì 21 novembre alle ore 10.30, presso il Teatro Comunale Giulanco – Traversa della Cultura, San Cesareo.

Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!

 
Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!