Chi vuol essere milionario, brutte notizie per Gerry Scotti: il caso a Mediaset sull’ultima puntata

Foto
Ascolti giù per lo storico programma di Gerry Scotti, doppiato da "Nero a metà", con Claudio Amendola, su Rai1. Che succede agli ascolti dei "grandi classici"?
- - Ultimo aggiornamento
loading

La prima puntata della nuova stagione di “Chi vuol essere milionario” non è stata un grande successo per Mediaset: gli ascolti non hanno premiato il longevo quiz show condotto da Gerry Scotti, superato (in realtà doppiato) da “Nero a metà”, la fiction con Claudio Amendola su Rai1.

Chi vuol essere milionario crisi di ascolti per lo show

Forse “Chi vuol essere milionario” è in crisi per motivi di usura del format: nonostante la bravura e la simpatia di Gerry Scotti e anche la preparazione dei concorrenti, che spinge a tifare per loro, il rituale è sempre lo stesso e non è stato mai modificato in nessun modo, tranne qualche piccolo cambiamento dovuto più all’emergenza Covid che altro.

Lo storico quiz accusa quindi un po’ di stanchezza, ma non è il solo: in questi giorni anche l’esordio di X Factor, show dal passato glorioso, è stato un flop in termini di Auditel. Non se la passa bene nemmeno il Grande Fratello Vip, nonostante un cast “forte” come quello di quest’anno. Se il pubblico non guarda più questi grandi classici evidentemente ha voglia di novità, soprattutto dopo la stagione televisiva passata -per forza di cose- a suon di repliche.

La nuova puntata di Chi vuol essere milionario andrà in onda martedì 22 settembre, stavolta contro le repliche di un’altra amatissima fiction Rai come Imma Tataranni: vedremo se il calo di ascolti si conferma come trend, nonostante il cambio di giorno, oppure no.

Guarda la photogallery
Chi vuol essere milionario perde la gara degli ascolti
Chi vuol essere milionario, usura del format?
Chi vuol essere milionario e non solo: altri grandi format sono in difficoltà
Chi vuol essere milionario si sposta al martedì