Nascere a Roma: istruzioni per le neo e future mamme

Istruzioni per nascere a Roma: è questo l'obiettivo del progetto realizzato con il sostegno di Artsana spa, l'Osservatorio Chicco, la Sanofi Pasteur Msd e Mammamatta, che vede […]
-

Istruzioni per nascere a Roma: è questo l'obiettivo del progetto realizzato con il sostegno di Artsana spa, l'Osservatorio Chicco, la Sanofi Pasteur Msd e Mammamatta, che vede coinvolti esperti del settore ospedaliero e pediatrico, insieme a 14 strutture pubbliche e private che contano oltre 1000 parti l'anno.

Nascere a Roma: dove andare

Come scegliere l'ospedale in cui partorire a Roma?

Dove far nascere il proprio bambino a Roma?

Se queste sono le domande che si pondono la maggior parte delle future madri, ecco arrivare una sorta di guida multimediale per supportare i genitori nella scelta di dove e come affrontare uno dei momenti più importanti della vita di un essere umano.

La guida si chiama "Nascere a Roma" ed è distribuita gratuitamente in 700 farmacie aderenti a Federfarma Roma.

Leggi anche: Santa Pupa, non solo un modo di dire. Ecco dove andarla a trovare

In "Nascere a Roma" disponibile nella capitale dal 10 aprile, non è solo possibile trovare le strutture ospedaliere più accoglienti e dotate, che per l'occasione hanno "aperto le porte" alle future madri, ma è anche possibile informarsi su come gestire il ritorno a casa con il neonato, come affrontare la preparazione al ricovero nelle strutture ospedaliere e ascoltare i preziosi consigli di ginecologi, pediatri, psicoterapeuti e tutti gli esperti coinvolti nella magia del parto e della gravidanza.

Nascere a Roma: obiettivo madri e figli

Leggi anche: Sposarsi a Roma, il primo Wedding Flash Mob

Tutto, per far vivere al meglio alle neo-famiglie un momento delicato come il parto, "per migliorare la qualità della vita delle neomamme e dei bambini in questa città" come ha dichiarato Paolo Masini, assessore alla Scuola, sport e partecipazione di Roma Capitale e nella prospettiva di "costruire una rete di assistenza pubblica come accade in Francia o in altri Paesi per sostenere giovani donne che si confrontano con il diventare madri" come ha concluso Francesca Danese, assessore alle Politiche Sociali.