Meghan Markle e il cappotto della polemica: lavoratori pagati solo 3 euro l’ora per realizzarlo

Foto - Video
Non passa inosservato il look di Meghan Markle al Remembrance Day, tutta colpa di quel cappotto che nasconde un amaro retroscena.
loading

Elegantissima in total black come l’occasione richiedeva, ma nuovamente al centro di aspre polemiche. Non riesce a trovare pace Meghan Markle finita nel mirino per il cappotto indossato al Remembrance Day, a Londra. All’evento, cui era presenta tutta la Royal Family per ricordare quanti hanno perso la vita per difendere il Paese, il look della Duchessa di Sussex, firmato Stella McCartney, ha scatenato un vero putiferio. Che ha travolto la stessa stilista, costretta a cancellare dai social la foto che ritraeva Meghan con il prezioso capo d’abbigliamento.

LEGGI ANCHE: — Selfie “sfacciato” con la corona per Meghan Markle: ecco il video che ha indignato la corte reale

Meghan Markle e il cappotto della discordia

La scelta non poteva cadere che su un look sobrio e dai toni scuri, visto che doveva essere sfoggiato nel giorno della commemorazione di persone che hanno scarificato la vita per il Paese. Così, Meghan Markle, per il Remembrance Day, ha indossato un cappotto di lana nero molto ampio della nota stilista Stella McCartney.

Un outfit impeccabile dal punto di vista dell’immagine, meno dal punto di vista morale. I giornali britannici, infatti, hanno raccontato il retroscena sulla produzione di quel cappotto sfoggiato dall’ex attrice americana, rivelando una verità sconvolgente.

Una sarta impiegata nella fabbrica ungherese che produce proprio quei cappotti per conto della nota maison ha dichiarato che i lavoratori percepiscono in media appena 2,58 sterline (circa 3 euro) all’ora. Il mese scorso, la donna avrebbe guadagnato appena 455 sterline (531 euro) per 176 ore di lavoro. Un compenso misero se si considera che il prezzo del cappotto supera le 1.500 sterline (1750 euro circa).

Immediata la smentita dei piani alti dell’azienda: “Tutti in questa fabbrica sono ben trattati e pagati correttamente, secondo la legge ungherese” ha dichiarato uno dei responsabili della produzione.

Un portavoce della Duchessa, invece, ha sottolineato come la vicenda non riguardi Sua Altezza, ma solo la stilista britannica.

Quel post cancellato

Prima che scoppiassero le polemiche sulle condizioni di lavoro degli addetti alla produzione del cappotto, Stella McCartney aveva pubblicato sui social una foto di Meghan Markle. La stilista si diceva “onorata” di veder indossata una sua creazione dalla Duchessa.

Il post è stato bersagliato da commenti di utenti indignati, che non ritenevano opportuna tale iniziativa pubblicitaria proprio nel giorno del Remembrence Day.

Usare la giornata della memoria per pubblicizzare i tuoi vestiti è irrispettoso! Le persone sono morte e fai foto a persone che mostrano rispetto per scopi pubblicitari” ha osservato ad esempio un utente.

L’onda delle polemiche è stata talmente forte, che la donna è stata costretta a rimuovere il post.

Meghan Markle ama particolarmente le creazioni di Stella McCtarney: suo è l’abito indossato dalla Duchessa al ricevimento di nozze.

Guarda la photogallery
Meghan Markle e il cappotto della polemica: lavoratori pagati solo 3 euro l’ora per realizzarlo
Meghan Markle e il cappotto della polemica: lavoratori pagati solo 3 euro l’ora per realizzarlo
Meghan Markle e il cappotto della polemica: lavoratori pagati solo 3 euro l’ora per realizzarlo
Meghan Markle e il cappotto della polemica: lavoratori pagati solo 3 euro l’ora per realizzarlo
+3
Francesca Caiazzo

Francesca Caiazzo

Giornalista professionista 'Made in Calabria'. Sorrido alla vita e alle persone. Amo il mare, il cioccolato e il mio lavoro.