Roberta Bruzzone svela il suo lato oscuro a Vieni da me: ‘Da piccola decapitavo e smembravo le bambole’ Foto - Video

'Da piccola decapitavo e smembravo le bambole'. A Vieni da me Roberta Bruzzone stupisce il pubblico coi suoi racconti dai risvolti horror. La celebre criminologa ha infatti fatto riferimento al suo lato oscuro e ad un’infanzia decisamente turbolenta. Ecco cosa ha raccontato...

Nella puntata di lunedì 21 gennaio, Caterina Balivo ha ospitato a Vieni da me la criminologa più famosa della tivù italiana: Roberta Bruzzone. La 45-enne, ospite fissa di Porta a Porta nelle puntate dedicate alla cronaca nera (oltre che opinionista di Ballando con le stelle) ha raccontato la sua infanzia turbolenta, lasciando un po’ interdetti i telespettatori.

LEGGI ANCHE: — ‘Se Vespa me lo chiede, seppellisco il cadavere’, la frase di Roberta Bruzzone su Bruno Vespa che lascia Caterina Balivo senza parole

A Vieni da me Roberta Bruzzone stupisce il pubblico coi suoi racconti

Da bambina ero una peste – ha esordito la criminologa – ero molto curiosa, vivace e determinata. Sperimentavo tecniche di smembramento e decapitazione con le bambole, infatti poi hanno smesso di regalarmele perché le distruggevo tutte”.

Un lato oscuro decisamente inaspettato, che però forse riesce a spiegare la passione della Bruzzone per i più terribili fatti di cronaca e cosa la spinge a studiare i crimini più efferati.

A Vieni da me Roberta Bruzzone racconta: “provai ad annegare i miei fratelli”

Tuttavia, tutto peggiora quando la dottoressa arriva a parlare della sua famiglia, nei confronti della quale ha commesso quasi dei veri e propri atti criminali.

Non ho preso bene la nascita dei miei fratellini nella prima fase – ha continuato a raccontare – ho tentato di annegarli nella vasca da bagno e mia nonna mi ha preso giusto in tempo. Non ero imputabile, avevo solo tre anni e mezzo. Li picchiavo e non ero per niente la classica femminuccia tranquilla”.

Problemi anche a scuola, soprattutto nella primissima infanzia: “Sono addirittura stata cacciata dalla scuola materna delle suore. Loro stesse raccomandarono a mia madre di non portarmici più“.

Insomma, un racconto decisamente fuori dalle righe per un personaggio che siamo abituati a vedere in veste molto più seria. E voi? Come avete preso le sue parole? Vi fa paura il suo lato oscuro?

Guarda la photogallery
Roberta Bruzzone è stata ospite a Vieni da me
La criminologa ha stupito il pubblico con i racconti della sua infanzia
“Tentai di annegare i miei fratelli nella vasca da bagno”
“Sono addirittura stata cacciata dalla scuola materna delle suore”
+1

Giuseppe Guarino

Redattore appassionato di Sport, Videogame, Cinema, Cultura e Società