Natale 2021, il Pangiall’Oro di Angelo Colapicchioni: il dolce natalizio di Roma

Il forno della famiglia Colapicchioni è una vera istituzione per Roma e i romani. Dal 1934 in quel di Via Tacito (76-78) nel quartiere Prati i Colapicchioni, di […]
- - Ultimo aggiornamento
Natale 2021, il Pangiall’Oro di Angelo Colapicchioni: il dolce natalizio di Roma

Il forno della famiglia Colapicchioni è una vera istituzione per Roma e i romani.

Dal 1934 in quel di Via Tacito (76-78) nel quartiere Prati Colapicchioni, di generazione in generazione, sfornano pane, pizza, dolci e recuperano tradizioni spesso dimenticate come nel caso del Pangiall’Oro. 

“Non ho mai capito come fosse possibile che una città come Roma, che sulla sua storia millenaria ci ha costruito i fasti della città Caput Munti, abbia di contro completamente dimenticato di valorizzare il suo dolce di Natale”.

A parlare è Angelo Colapicchioni, terza generazione di fornai della sua famiglia “Io sono nato a Roma, dove la mia famiglia si è trasferita negli anni 20. Mia nonna è stata una delle prime panificatrici dell’alto Lazio. Le mie radici affondano nella Sabina“. Angelo parla con trasporto, la storia della sua famiglia e del forno, dal 1934 ad oggi si sono fuse in un unico grande racconto “Sono nato tra la farina, il mio futuro professionale e non solo, era ovviamente scritto”.

Quindi Angelo sin da giovanissimo si scopre inevitabilmente fornaio nel panificio di famiglia, legato profondamente al suo lavoro, ma anche alla città che l’ha visto nascere e in cui il forno di via Tacito ha sempre lavorato alacremente. Ed è proprio l’amore verso la sua città ha spinto Angelo a cercare tra la storia di Roma trovando le origini di un dolce del periodo imperiale, la cui storia si perde nella notte dei tempi.

Parliamo di una preparazione a base di miele, frutta secca; il primo a parlarne fu Marco Gavio Apicio nel suo “De Re Coquinaria”. Lo scrittore latino raccontava questo dolce facendo riferimento alle sue povere origini e che, come tantissime preparazioni che caratterizzano ancora oggi la cultura culinaria capitolina, era il frutto del recupero di scarti. Frutta secca, miele, in qualche occasione mosto d’uva il tutto impastato e cotto insieme al pane nei forni di terra cotta.

Sempre la storia ci racconta che il pangiallo veniva realizzato nel periodo natalizio, per poi offrirlo in dono. Ma di fatto questa usanza è andata persa e solo la passione e l’intraprendenza di Angelo Colapicchioni hanno reso possibile il recupero di una ricetta storica, che però era ingiustificatamente caduta nel dimenticatoio.

Il signor Colapicchioni si documenta, legge il De Coquinaria per capirne le origini, analizza gli ingredienti e poi nel 1977 decide di dare nuova vita a questo dolce: nasce il Pangiall’Oro del forno Colapicchioni.

La ricetta è quella raccontata da Apicio nel 1° secondo d.c., Angelo l’ha perfezionata semplicemente scegliendo gli ingredienti migliori (le nocciole laziali, il pistacchio di Bronte, il miele biologico, frutta candita, cioccolato fondente, mandorle siciliane o pugliesi) rivestendo poi la pagnotta con un involucro a base di uova che conferisce al dolce quel colore dorato da cui ha origine il nome Pangiall’Oro che verrà brevettato nel 2002 visto il successo riscontrato presso la clientela.

Angelo ci tiene a precisare che il dolce, anche se è profondamente legato alle festività natalizie, nel suo forno di via Tacito è sempre disponibile; del resto nel corso degli anni è diventato il prodotto di punta di Colapicchioni tanto da meritarsi una targa rossa con scritta dorata anche nell’altra sede di via Properzio. 

Il Pangiall’Oro è anche stato protagonista di interessanti “rivisitazioni” come quella nata grazie ad un sacchetto di pepe nero. Un giorno un amico andò a fargli visita nel laboratorio di via Tacito e oltre ai saluti gli portò un sacchetto del pregiato pepe malesiano. Angelo lo apre e… “E che ci dovrei fare con questo?!” il suo amico risponde “E’ del pepe nero malesiano di Sarawak. Inventa un dolce! Per te sarà facilissimo!”.

Comunque, per arrivare al sodo, grazie a quel sacchetto di pepe di Sarawak nasce il Pan Pepato Imperiale. In questa versione oltre evidentemente al pepe nero di Sarawak ci sono anche dei frutti esotici tipici malesiani come papaia, ananas e spezie come lo zenzero.  

Angelo Colapicchioni e Gianni Ruggiero – Storia di sogni autarchici e amicizia senza tempo

“Ero giovane e lavoravo al Simposio. Andavo tutti i giorni a comprare il pane al forno Colapicchioni di Via Properzio. Con Angelo ci fu subito feeling e spesso con la scusa del pane mi trattenevo qualche minuto in più per ascoltare i suoi aneddoti del passato e di questo Pangiall’Oro.” A parlare è Gianni Ruggiero, genovese trapiantato a Roma che dal 2015 è patron di Sogno Autarchico, un wine bar nel quartiere Prati rifugio di tanti romani amanti di posti autentici, sinceri e autarchici. Proprio come Gianni. 

“Nel 1963 comprai il locale di Via Properzio 23. Il lavoro andava bene e nel 1976 acquistai il panificio di via Tacito, sempre nel rione Prati in cui ero nato e cresciuto. Peraltro al terzo piano del palazzo al civico 27 di via Properzio, io ci sono nato!” ricorda Angelo Colapicchioni introducendo la sua amicizia, ormai storica, con Gianni. I casi e le parabole della vita sono tanti e imprevedibili infatti nel 2015 Angelo decide di chiudere quella prima sede e propone a Gianni di gestire il locale per aprire qualcosa di suo. E così fu. “Io devo molto ad Angelo, è un caro amico, una persona che mi ha dato fiducia. E’ suo il locale in cui sei anni fa ho aperto il mio Sogno Autarchico“. Un locale che pur rispecchiando moltissimo il carattere bonariamente tenebroso di Gianni, di fatto ha mantenuto la forma e l’arredamento di una volta. “Non ho mai pensato di togliere la scritta Angelo Colapicchioni e Pangiall’Oro. Innanzitutto perché ho i suoi prodotti in vendita nel mio locale e poi perché è bello dimostrare l’amicizia in tanti modi, anche conservando lo spazio a chi ha creduto in un progetto, anzi un sogno.” 


“Non amo le regole, ma ne rispetto una soltanto, quella di non tradire mai gli amici” Corto Maltese. 

Contatti:
Sogno Autarchico

Via Properzio 23 Roma Quartiere Prati
Tel. 06/68801310

Newsletter

Iscriviti a Funweek ROMA,
ogni settimana il meglio degli
eventi in città!

 
Newsletter

Iscriviti a Funweek ROMA,
ogni settimana il meglio degli
eventi in città!