A Ostia un nuovo murales che purifica l’aria: ecco Naoto

Ecco "Naoto" di Solo e Diamond, il murales che purifica l'aria donato da Yourban2030 alla palestra salvata dalle mafie a Ostia.
-
loading

Ecco “Naoto” di Solo e Diamond, il murales che purifica l’aria donato da Yourban2030 alla palestra salvata dalle mafie a Ostia. Il ritratto dell’Uomo-Tigre è stato presentato oggi, ad un anno dall’apertura della palestra della legalità. Ospite d’eccezione, il pugile Emanuele Blandamura due volte Campione d’Europa e sfidante al titolo mondiale WBA.

Il murales, oltre ad avere un valore simbolico, purificherà l’aria della sala dedicata agli sport da combattimento: infatti, le pitture con cui è stata realizzata l’opera trasformano gli inquinanti in sali e sono inoltre in grado di eliminare batteri e virus dall’ambiente circostante.

LEGGI ANCHE >>> Street Art e rigenerazione urbana: alla scoperta di Hunting Pollution

Festeggiare un anno di legalità nella palestra di Ostia

T&T Palestra della Legalità nasce da un accordo con il Tribunale di Roma e la Regione Lazio per restituire ai cittadini una struttura sequestrata e abbandonata. Da un anno ormai la palestra in via dell’idroscalo realizza attività sportive e sociali rivolte al territorio, dona opportunità di lavoro a giovani atleti e sportivi con titoli certificati, e offre attività sportive gratuite a fasce disagiate e garantendo a tutti servizi di qualità a prezzi accessibili.

Il murales che purifica l’aria ha il volto dell’Uomo Tigre

Oggi 26 Febbraio si è voluto celebrare questo grande traguardo. Alla presenza di molti rappresentanti istituzionali, fra i quali il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e Gianpiero Cioffredi, presidente dell’Osservatorio per la Legalità della Regione Lazio, si è inaugurato il murales donato da Yourban2030 alla palestra. La presidente della no-profit, Veronica De Angelis, ha dichiarato:

Ci teniamo a ringraziare il presidente Massimiliano Monnanni per averci aperto le porte di questa palestra, grazie a Elisabetta Maggini che ci ha aiutato nel coordinamento e che ci ha fatto scoprire la realtà dell’Asilo Savoia e la Regione Lazio per aver dato vita a questo spazio.

L’opera è stata realizzata dagli street artists Solo e Diamond. “Avevamo pensato come simbolo del riscatto sociale ad un supereroe” racconta Veronica De Angelis. “Poi abbiamo scelto l’uomo tigre, che non è un vero e proprio super eroe perchè non ha super poteri. È uno sportivo, che si allena, suda e combatte. (…) Pensiamo che questo possa essere un simbolo positivo per i giovani. Uno speciale ringraziamento ai nostri due artisti Solo e Diamond che hanno creduto insieme a noi in questo progetto e nella potenza evocativa di questo personaggio! Grazie anche al campione Blandamura Emanuele che con la sua vita ha già ispirato molto giovani dimostrando che la perseveranza e l’amore per lo sport possono cambiare il tuo destino.”

Le pitture che “mangiano” l’inquinamento

Il murales è stato realizzato con le pitture AirLite. L’inventore di questa tecnologia, Massimo Bernardoni, ce ne ha spiegato il funzionamento. “AirLite è una multitecnologia messa all’interno di una pittura. Grazie alla combinazione, anche con la luce, trasforma gli inquinanti in sali” spiega Bernardoni.

Questa tecnologia fa in modo che il murales purifichi l’aria ma non solo: infatti dai test effettuati risulta che le pitture eliminino diversi batteri e virus. “Qualche giorno fa abbiamo chiesto all’Istituto Superiore di Sanità di poter testare AirLite nell’abbattimento del Coronavirus. Non abbiamo ancora ottenuto risposta.”