Vitttorio Sgarbi: non è la prima volta che rischio di morire

Foto
In molti si sono preoccupati per la salute di Vittorio Sgarbi, celebre critico d'arte noto sia per la sua competenza professionale che per la sua […]
-
loading

In molti si sono preoccupati per la salute di Vittorio Sgarbi, celebre critico d'arte noto sia per la sua competenza professionale che per la sua verve televisiva e social: qualche giorno fa Sgarbi è stato colpito da un'ischemia cardiaca ed è stato operato presso un centro specializzato a Modena.

SGARBI MESSO "AL BANDO" DA QUESTA TRASMISSIONE

Per fortuna Sgarbi si è ripreso prontamente dall'intervento e si è messo in contatto con il suo pubblico personalmente, a suon di selfie, video e collegamenti con trasmissioni tv: l'ultima intervista l'ha rilasciata al settimanale Di Più, nella quale ha parlato della sua prima esperienza "faccia a faccia" con la morte.

Già perchè la disavventura con il cuore non è stata la prima volta per Vittorio: già in passato aveva rischiato la vita e si era salvato per il classico "pelo".

"Era accaduto nell'ottobre 2012 -ha raccontato il critico- quando avevo avuto un incidente stradale: l'auto su cui viaggiavo era finita fuori strada. Mentre l'autista 'volava', ricordo di aver pensato: 'Sto per morire'. E invece me l'ero cavata con un braccio rotto. Stavolta è successo tutto il contrario: sono stato ad un passo dalla morte senza saperlo, l'ho scoperto solo dopo"

I problemi di salute hanno momentaneamente "addolcito" Sgarbi, che ha avuto parole di elogio per lo staff medico del centro in cui è stato ricoverato e di affetto per i suoi cari. Per la compagna Sabrina Colle, che "da Roma, si è precipitata qui. Mi ha accudito come un angelo" e per suo figlio Carlo: "Il nostro rapporto non è sempre facile, ma di fronte a eventi del genere le liti si dimenticano"

Guarda la photogallery
Vitttorio Sgarbi: non è la prima volta che rischio di morire
Vitttorio Sgarbi: non è la prima volta che rischio di morire
Vitttorio Sgarbi: non è la prima volta che rischio di morire
Vitttorio Sgarbi: non è la prima volta che rischio di morire
+2