Fabio Rovazzi: “Sempre grato a Fedez, ma avevamo idee differenti” Foto - Video

In occasione della conferenza di presentazione del nuovo singolo Faccio quello che voglio, Fabio Rovazzi parla per la prima volta della sua amicizia (finita) con Fedez.

Fabio Rovazzi: “Sempre grato a Fedez, ma avevamo idee differenti”

Per la prima volta, Fabio Rovazzi si ritrova ad essere protagonista di una conferenza stampa per il lancio del nuovo singolo. Non era mai capitato prima, ma Faccio quello che voglio (in uscita il 13 luglio) merita un trattamento diverso, non solo per la qualità altissima del video che è più un corto che una clip musicale, ma anche perché era da un po’ che Rovazzi non si faceva vedere in giro e la curiosità intorno ad alcuni episodi in particolare era tanta.

DrefGold, esce Kanaglia: la nostra intervista al rapper

Puntuale arriva infatti in conferenza stampa la domanda sull’amicizia – finita – con Fedez. Il rapper non solo ha “scoperto” Rovazzi e gli ha fatto da manager contribuendo di fatto al successo dei primi singoli, ma aveva costruito con il suo “pupillo” un’amicizia che sembrava indissolubile, almeno a giudicare dai social che li vedevano realmente inseparabili. Poi la rottura improvvisa, apparentemente ingiustificata.

Rovazzi ne parla per la prima volta in conferenza.

“Voglio essere sincero con tutti voi – esordisce Fabio – io non amo parlare dei caxxi miei. Lo detesto. Detto questo, sarò sempre grato a Fede per quello che ha fatto per me, per la spinta che mi ha dato all’inizio e per la mano che mi ha dato durante il mio percorso. Le amicizie nascono, crescono e a volte inciampano. In questo caso, siamo inciampati perché abbiamo in mente idee differenti. Io ho velleità totalmente diverse dalle sue e spero che i rapporti si risanino col tempo. Però, oh, so’ caxxi miei (ride, ndr)”.

Ora o mai più: Valeria Rossi
Guarda la photogallery
Fabio Rovazzi parla di Fedez
Amicizia improvvisamente interrotta
Il commento in conferenza
"Idee e velleità differenti"

Grazia Cicciotti

Giornalista e divanista: amo scrivere, ma più di ogni altra cosa amo lavorare seduta.