Dario Argento: Asia vittima di un complotto di tanti, non di una persona sola Video

Il regista cult racconta a Lauro e Cucciari il suo punto di vista sullo scandalo che ha coinvolto la figlia Asia e racconta di quanto il pubblico la stia sostenendo

Dario Argento è stato ospite nella trasmissione radiofonica Un giorno da pecora e durante l’intervista con Geppi Cucciari e Giorgio Lauro ha parlato a lungo anche della figlia Asia, con la quale aveva anche diviso il palco del Maurizio Costanzo Show qualche giorno prima.

“Asia sta molto bene, ride, scherza ed è piena di vivacità. Mi è dispiaciuto non vederla ad X Factor, lei era la più brava” ha dichiarato il regista, che ha poi raccontato di non aver mai visto X Factor tranne quest’anno, perchè c’era Asia, e di aver interrotto la visione ora che lei è stata esclusa.

Asia è più tranquilla -ha continuato Dario- c’è una grande partecipazione della gente nei suoi confronti, le persone la fermano e le dicono ‘sto con te’. Al ristorante l’altra sera, una persona le ha detto ‘sto con te Asia!” e a lei sono venute le lacrime agli occhi…”

Su Jimmy Bennet, accusatore di Asia, papà Dario dice: “Lui è una persona particolare, in questa vicenda c’è qualcosa che non funziona, che non va”. Incalzato dai conduttori, il regista torna a parlare anche del complotto che secondo lui ci sarebbe ai danni della figlia: “Penso che potrebbe esserci, da parte dei soliti, di quelli che ce l’hanno con Asia, di tanti, non solo di una persona”.

Il tema del complotto è ricorrente: anche Asia Argento, nel salotto di Costanzo, si era detta certa di aver dato “fastidio ai potenti”.

Una cosa è certa: in un periodo nel quale è molto più semplice odiare che acclamare, soprattutto sul web, Asia Argento ha ricevuto un’ondata -non così scontata- di sostegno dal pubblico.

LEGGI ANCHE: ASIA ARGENTO CON MANUEL AGNELLI: “MI SENTO TRADITA…”

foto @redazione un giorno da pecora

Francesca Di Belardino

Giornalista, amante delle serie tv, gattara: mi piace il Britpop, la televisione, i libri di carta e cerco di scriverne meglio che posso. Ancora in attesa della mia lettera da Hogwarts.