Chi era davvero il Boss delle Cerimonie? In pochi sanno che…

Foto
Ecco chi era il Boss delle Cerimonie e cosa nascondeva Chi era il Boss delle Cerimonie sono in molti a saperlo: Don Antonio Polese, all’anagrafe […]
-
loading

Ecco chi era il Boss delle Cerimonie e cosa nascondeva

Chi era il Boss delle Cerimonie sono in molti a saperlo: Don Antonio Polese, all’anagrafe Tobia Polese, è deceduto il 1° dicembre scorso a causa di un infarto che gli è stato fatale; aveva una famiglia che lo adorava e con cui gestiva il castello, l’Hotel La Sonrisa diventato famoso per il programma di Real Time e non solo.

DON ANTONIO ADDIO, DA TEMPO SOFFRIVA DI…

Ma chi era davvero il Boss delle Cerimonie sono in pochi a saperlo. Avreste mai detto, per esempio, che il suo sogno nel cassetto era diventare ciclista invece che macellaio e poi imprenditore di successo? Nel 1988 comprese che il suo castello poteva diventare una fabbrica di matrimoni e riuscì nell’intento.

Sapevate poi che il piatto ‘Nido di Rondine’, la cui ricetta resta avvolta nel mistero, è tra i preferiti di Al Bano Carrisi? Don Antonio era solito ripetere che la cucina napoletana era la più buona del mondo e nel suo ristorante aveva avuto l’onore di ospitare, tra gli altri, Sophia Loren e Lucio Dalla.

Ma il Boss delle Cerimonie amava in modo viscerale anche la musica neomelodica, per questo – come un moderno mecenate – chiamava Mario Merola e Gigi D’Alessio nel suo ristorante.

Inoltre, sebbene sia stato sempre tacciato di essere un uomo poco colto avendo soltanto il titolo di 5° elementare, Don Antonio leggeva tantissimo e a quanto pare ha ricevuto una laurea honoris causa in Scienze del Turismo ottenuta dal “Sacro Ordine dei Cavalieri Crociati di Malta”.

 

Chi era il Boss delle Cerimonie e come mai ha una laurea honoris causa?

A tal proposito, qualche giorno dopo la sua morte, dal Sovrano Ordine dei Cavalieri di Malta (ufficialmente riconosciuto rispetto al ‘Sacro’ ordine) è arrivata una cristallina smentita sull’appartenenza del Boss delle Cerimonie all’associazione che si occupa di assistenza medico-sociale e soccorso prestato alle vittime di conflitti o di calamità naturali.

“Il ‘Sacro Ordine dei Cavalieri Crociati di Malta‘, al quale il sig. Polese ha dichiarato di appartenere – leggiamo nella nota – è una organizzazione non riconosciuta, che tenta di utilizzare il nostro nome ed i nostri simboli, che sono legalmente registrati in oltre 100 paesi del mondo. Persone ed organizzazioni in numerosi paesi fanno uso del nostro nome o di nomi similari al nostro per finalità non collegate con gli scopi e alle tradizioni dell‘Ordine di Malta”.

BOSS DELLE CERIMONIE, LA SUA VITA TRA LUCI E OMBRE

Guarda la photogallery
Chi era davvero il Boss delle Cerimonie? In pochi sanno che…
Chi era davvero il Boss delle Cerimonie? In pochi sanno che…
Chi era davvero il Boss delle Cerimonie? In pochi sanno che…
Chi era davvero il Boss delle Cerimonie? In pochi sanno che…
+2