Le 72 migliori pizzerie d’Italia nel 2019 secondo Gambero Rosso: ecco chi ha vinto. Nessun premio per Carlo Cracco? Foto - Video

Gambero Rosso ha stilato l'elenco delle migliori 72 pizzerie d'Italia. Il vincitore non è una sorpresa per gli amanti della pizza napoletana. Ecco chi ha vinto e mistero sul premio per la pizza di Carlo Cracco

Come ogni anno, il Gambero Rosso ha presentato la nuova Guida alle Pizzerie d’Italia, che nell’edizione 2019 raccoglie le 72 migliori pizzerie del nostro paese. Tante le conferme e le novita e, tra una cosa e l’altra, c’è spazio anche per parlare della celeberrima margherita di Carlo Cracco.

LEGGI ANCHE: — 95 euro per una pizza: ecco le pizzerie più care in Italia tra cui quella di Carlo Cracco. Occhio allo scontrino!

Guida alle 72 migliori pizzerie d’Italia secondo il Gambero Rosso

Quest’anno il famoso editore culinario ha diviso le pizzerie in categoria: pizza napoletana, pizza italiana (con le varianti regionali), pizza degustazione (con ingredienti gourmet) e pizza in teglia. Inoltre ha introdotto una nuova classificazione in centesimi, con la decisione di assegnare i tanto ambiti tre spicchi (o tre rotelle) solo a chi supera i 90 punti.

— Chi e’ piu’ ricco tra Carlo Cracco e Antonino Cannavacciuolo? Ecco chi guadagna di piu’: la classifica vi stupira’

Innanzitutto i vincitori: in cima alla classifica della pizza napoletana rimane saldamente Franco Pepe da Pepe in Grani, di Caiazzo (in provincia di Caserta). La miglior pizza con ingredienti gourmet, a sorpresa, viene dal Nord: premiato Simone Padoan de I Tigli di San Bonifacio (provincia di Verona). Per entrambi Tre Spicchi e voto alto anche in centesimi: 96 punti. La pizza al taglio, invece, è territorio romano, con Gabriele Bonci e la sua Pizzarium über alles: 95 punti e Tre Rotelle.

Nella lista non mancano anche una serie di premi speciali, distribuiti a ZenZero Osteria della Pizza di Pisa, Oliva – Da Concettina ai Tre Santi di Napoli (migliori per la Carta delle Bevande); Gigi Pipa di Este (PD), Giangi’s Pizza di Arielli (CH), Guglielmo Vuolo di Verona, Alimento di Brescia e Seu Pizza Illuminati di Roma (migliori ricette); nonché ai pizzaioli Gennaro Battiloro e Francesco e Salvatore Salvo (maestri dell’impasto). Per conoscere tutti i premiati, però, bisogna procurarsi la Guida, già presente in tutte le librerie e negli store online.

Tra le 72 migliori pizzerie d’Italia non c’è Carlo Cracco

E Carlo Cracco? Lo chef milanese e la sua margherita rivisitata non compaiono nell’elenco. La sua pizza, definita dai ‘profani’ brutta e troppo costosa (viene venduta a ben 16 euro), nonostante abbia raccolto pareri discordanti nel mondo dei pizzaioli, sembra non venga nemmeno menzionata nella guida del Gambero Rosso.

E non è la prima volta, dato che la pizza dell’ex giudice di Masterchef non è comparsa nemmeno tra le migliori pizzerie d’Italia del 2018. Chissà cosa succederà nel 2020…

Polemiche sulla pizza margherita di Cracco
Guarda la photogallery
Le migliori pizzerie d'Italia
È arrivata la nuova Guida alle Pizzerie d’Italia del Gambero Rosso
In cima alla classifica la pizza napoletana di Pepe In Grani
La pizza gourmet migliore viene da I Tigli di Verona
+2