Una somma di piccole cose, Niccolò Fabi: ‘Un lancio senza paracadute’

Foto
Una somma di piccole cose, Niccolò Fabi: 'Un lancio senza paracadute'. Basta guardare la copertina di Una somma di piccole cose, il nuovo album di […]
-
loading

Una somma di piccole cose, Niccolò Fabi: 'Un lancio senza paracadute'.

Basta guardare la copertina di Una somma di piccole cose, il nuovo album di Niccolò Fabi, per respirare aria pulita, nuova, rigenerante, la stessa che quasi sembra di toccare ascoltando le 9 intensissime tracce di questo progetto discografico, frutto di una nuova consapevolezza artistica e ritmica.

Quegli alberi, quel verde, quello spazio erano di Niccolò durante la stesura e la registrazione dell'album: è ciò che il cantautore vedeva dalla finestra della casa in campagna in cui si è rinchiuso per dar vita a un lavoro forse per la prima volta completamente fedele all'anima di Fabi, più matura, certo, di quando sul palco dell'Ariston idolatrava i propri capelli, e nello stesso tempo più spensierata, probabilmente perché onesta.

“In un certo senso non avevo scelta. – confessa Niccolò ai nostri microfoni – Dovevo fare questo album per forza, ora o mai più. Da una parte il lavoro fatto negli ultimi due anni con Daniele Silvestri e Max Gazzè era stato talmente pieno di suggestioni ed esperienze irripetibili che hanno generato una serie di reazioni emotive che dovevo registrare. Dall'altra, proprio in virtù della rinnovata attenzione che sentivo nei miei confronti da qualche anno, ho pensato che dovevo approfittarne biecamente per far ascoltare qualcosa che se avessi fatto dieci anni fa nessuno si sarebbe inc**ato”.

Niccolò si sente “più maturo” e ammette di apprezzare maggiormente le sue recenti produzioni rispetto a quelle degli esordi: “Mi sono sentito anche più sicuro di rinunciare ad alcuni paracaduti psicologici, per fortuna godo di una certa fiducia”. Le ‘piccole cose' di Fabi sono in realtà molteplici e nello stesso tempo legate tra loro da un invisibile filo conduttore: la disumanizzazione della metropoli (Ha perso la città e Filosofia agricola), che rinnova più in generale l'interesse dimostrato dal cantautore nei confronti delle tematiche ambientali; l'amore disilluso in Facciamo Finta o quello per i dettagli di Una Somma di Piccole Cose, che dà il titolo all'album; e ancora la speranza dilagante di Non Vale Più.

C'è però molto altro, al di là delle sfumature intrinseche di questo album: spinto dall'amore nei confronti del cantautorato indie folk statunitense (e non solo) – da Sufjan Stevens a Bon Iver, passando per i Fink e Father John Misty – Niccolò ha voluto non tanto riprodurre, quanto calarsi in quelle atmosfere oniriche ed evocative che lo rappresentano al meglio, trovando la sua identità nei testi in italiano: “Ho dedicato tanto tempo a questo album. La difficoltà non è solo tecnica, perché per scrivere in quel modo naturalmente, e quindi non creando una fotocopia di un disco che ti è piaciuto, devi aver avuto una vita che ti rende credibile quando racconti. La chitarra inoltre va suonata naturalmente in un certo modo, ognuno ha la propria maniera, ovvio, ma non è qualcosa che si impara. E poi devi avere un certo tipo di voce, molto esile. In questo i miei limiti sono diventati punti a mio favore”.

 

Niccolò Fabi, Una somma di piccole cose: tracklist

1. Una somma di piccole cose
2. Ha perso la città
3. Facciamo finta
4. Filosofia agricola
5. Non vale più
6. Una mano sugli occhi
7. Le cose non si mettono bene
8. Le chiavi di casa
9. Vince chi molla

Da maggio il cantautore romano sarà in tour nei teatri, antiteatri, auditorium e piazze storiche. Intanto venerdì 22 APRILE sarà a ROMA (Via Appia Nuova, 427), sabato 23 aprile a FIRENZE (Piazza della Repubblica), domenica 24 aprile a BOLOGNA (Piazza Ravegnana, 1), martedì 26 aprile a MILANO (Piazza Piemonte, 2), mercoledì 27 aprile a TORINO (Stazione Porta Nuova), giovedì 28 aprile a VERONA (Via Quattro Spade, 2), il 2 maggio a BARI (Via Melo, 119), il 3 maggio a NAPOLI (Piazza dei Martirti), il 4 maggio a CATANIA (Via Etnea) e il 6 maggio a CAGLIARI (Via Paoli).

E ancora: il 17 luglio a PADOVA (Parco della Musica), il 18 luglio a BAROLO – CN (Collisioni Festival) e l'1 agosto a FOLLONICA – GR (Teatro Le Ferriere). Già sold out, invece, la prima data milanese del 23 maggio all'Auditorium di Milano. I biglietti per le date di Assisi, Napoli, Roma, Milano, Bologna, Torino, Verona, Mantova, Rovereto, Fiesole, Palermo e Pescara sono disponibili in prevendita sul circuito Ticketone (www.ticketone.it) mentre sono disponibili su Bookingshow i biglietti per le data di Lecce e Bologna (http://www.bookingshow.it).

Guarda la photogallery
Una somma di piccole cose, Niccolò Fabi: ‘Un lancio senza paracadute’
Una somma di piccole cose, Niccolò Fabi: ‘Un lancio senza paracadute’
Una somma di piccole cose, Niccolò Fabi: ‘Un lancio senza paracadute’