IZI, da Zeta all’album di debutto: ‘Fenice è la mia rinascita’

Foto
IZI, da Zeta all'album di debutto: 'Fenice è la mia rinascita'. Il film Zeta di Cosimo Alemà ha sicuramente regalato al suo giovane protagonista IZI […]
-
loading

IZI, da Zeta all'album di debutto: 'Fenice è la mia rinascita'.

Il film Zeta di Cosimo Alemà ha sicuramente regalato al suo giovane protagonista IZI una certa visibilità, ma è con l’album di debutto che il rapper ha finalmente modo per far capire veramente l’artista che si nasconde dietro al personaggio del lungometraggio, senza filtri e senza maschere.

Il disco si chiama Fenice, è uscito il 13 maggio per Sony Music, e il titolo è ovviamente più che mai evocativo.

“È una rinascita per me, sia dal punto di vista grafico che da quello dei testi, e c’entra anche la mia malattia, perché io soffro di diabete. – ci rivela Izi – Ho avuto un po’ di disguidi e alcuni disturbi che mi hanno portato al coma diabetico, per cui si tratta di una rinascita prima fisica e poi totale, perché ho vissuto una nuova consapevolezza. Mi chiamo Izi proprio perché voglio vivere così, ‘easy’”.

L’uscita del disco è ovviamente strettamente collegata al film Zeta (“Ho voluto fare questo salto anche come conseguenza del film” ci rivela il rapper), ma IZI non è di sicuro un esordiente, tanto che il suo album vanta tantissime collaborazioni e la produzione – tra gli altri – di Shablo, manager del rapper, che passava un po’ tutto ‘al setaccio’.

“Sta a me fare in modo che Zeta non diventi un limite, sia per come me la vivo che per come mi muoverò. – rivela IZI – Potrà starmi stretta, sì, ma fino a un certo punto perché Zeta è un film, non sono io. Vorrei portare avanti la carriera di recitazione, quindi devo essere pronto ad essere tanti personaggi, ma potrei anche tenere separate le due cose. Io so chi sono e mi regolo di conseguenza”. Sui nuovi progetti ‘recitativi’ IZI non apre bocca, accennandoci che qualcosa c’è senza spingersi oltre (“Ti dico solo che se vanno in porto sono belle belle cose”), mentre sul prossimo live rivela di avere in mente un tour “vero e proprio, la mia aspirazione più grande è avere la band, portare il mio sound, le mie casse e le mie luci. Voglio far musica in generale, non voglio fermarmi al rap”.

“Tutto l’album è stato concepito in una settimana. – continua poi IZI, che sottolinea quanto Zeta abbia comunque rappresentato nella sua vita un vero e proprio tsunami – Non c’era tempo perché dovevamo girare il film, la musica andava di pari passo con le riprese. Abbiamo lavorato tantissimo al disco nel week end, Tormento mi ha aiutato soprattutto nella respirazione”.

“Questo album è in primo luogo uno sfogo, è vero che ora devo pesare le parole, ma devo sempre raccontare me stesso. – continua IZI – Devo trovare un modo attraverso il quale gli altri si possano raccontare attraverso le mie parole. Quindi devo mettere qualcosa di personale, che sia riconducibile però a tutti. Su questo ho un po’ studiato, per il resto è stato un vero e proprio sfogo, un rigetto di roba. Io assimilo, sono come un cestino vuoto in ufficio in cui continui a gettare scartoffie. Io me le leggo, poi però devo buttarmi a terra e svuotarmi”.

Le influenze di IZI – non ci crederete mai – sono i grandissimi del cantautorato italiano e internazionale come Francesco De Gregori, Vinicio Capossela e Johnny Cash. Il rap nostrano non è proprio il genere preferito dell’artista (che tra tutti ammette di avere un debole per Marra), che vira più sul rap francese: “Mi piace ascoltare tante cose, mi piace l’influenza del jazz, vivo la musica come viaggio, come se stessi volando. Tanto che ascolto le canzoni al buio, con le cuffie a massimo volume, anche se so che non si dovrebbe”.

Infine, una parola sui numerosi nomi che hanno collaborato alla realizzazione di questo album: “Ho voluto portare con me i miei ragazzi. – dichiara IZI – C'è Sfera Ebbasta, che non ha bisogno ultimamente di presentazioni, con cui gireremo probabilmente il video. Ensi è stato un onore averlo nell’album, lo reputo il re del freestyle. Tormento è proprio il mio mentore insieme a Shablo, poi c’è Moses Sangare che secondo me è fortissimo. Lo ha scoperto Shablo, io ho sentito una sua cover e penso sia assurdo. C’è anche Lorenzo Fragola in Scusa, fa un vocalizzo finale”.

 

IZI, Fenice: la tracklist

01) IZIS Prodotto da David Ice
02) CON ME Prodotto da Shablo
03) TRAFITTO featuring Moses Sangare Prodotto da Shablo & David Ice
04) LUCE Prodotto da Tom Beaver & Heed
05) OH MIO DIO Prodotto da Sick Lucke
06) ODI Prodotto da Shablo
07) CASA featuring Ensi Prodotto da Sonny Crsn & 24Svn
08) SCUSA featuring Moses Sangare Prodotto da Zef & Shablo
09) TUTTO APPOSTO featuring Sfera Ebbasta Prodotto da Charlie Charles
10) PAZZO Prodotto da Big Joe
11) CHIC Prodotto da Mace & Shablo
12) NIENTE DA PERDERE Prodotto da Zef & Shablo
13) LA TUA ORA featuring Coco Prodotto da Pherro
14) SOLO featuring Tormento Prodotto da Zef
15) PER TUTTI QUELLI CHE Prodotto da Sick Lucke

Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!

 
Guarda la photogallery
IZI, da Zeta all’album di debutto: ‘Fenice è la mia rinascita’
IZI, da Zeta all’album di debutto: ‘Fenice è la mia rinascita’
IZI, da Zeta all’album di debutto: ‘Fenice è la mia rinascita’
IZI, da Zeta all’album di debutto: ‘Fenice è la mia rinascita’
Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!