Cracco, polemica per il costo di una spremuta

- - Ultimo aggiornamento
Cracco, polemica per il costo di una spremuta

Un rinomato chef può far pagare un prezzo elevato anche solo per una semplice bevanda? Evidentemente sì, se si sceglie di consumarla nel suo prestigioso locale. Così accade che qualcuno si sieda al Cracco Cafè, in Galleria Vittorio Emanuele a Milano, ordini una spremuta e si veda arrivare un conto un tantino esagerato. La foto dello scontrino che l’avventore del locale ha pubblicato sta facendo il giro dei social, sollevando un vespaio di polemiche.

LEGGI ANCHE: — Antonino Cannavacciuolo irriconoscibile, lo chef dimagrito si mostra su Instagram: ‘Sei sciupato’

Foto: Kikapress