Nel Paese dei Coppoloni: il viaggio di Vinicio Capossela nell’Italia perduta

Foto
Uscirà a breve “Vinicio Capossela nel paese dei coppoloni”, il film tratto dal romanzo del cantautore, che rimarrà nelle sale solo il 19 e il […]
-
loading

Uscirà a breve “Vinicio Capossela nel paese dei coppoloni”, il film tratto dal romanzo del cantautore, che rimarrà nelle sale solo il 19 e il 20 gennaio.

Capossela ci proietta all’interno del suo mondo fatto di creature notturne e mitologiche, riti, canti e silenzi perduti. “È un racconto immaginifico messo in chiave reale” spiega Vinicio che era presente all’anteprima del film, avvenuta in un cinema milanese. Un docu-racconto che ci porta per le strada di Calitri, Alta Irpinia, dove il tempo sembra essersi fermato, lasciando spazio solo al mito.

Lì vivono i Coppoloni, popolo con grandi cappelli in testa, che servono per ripararsi dalle continue intemperie che si abbattono sul borgo, accoccolato sulla collina. È un viaggio attraverso i sensi di Capossela che porta ad esplorare una terra ormai abbandonata dall’Italia stessa, “dai flussi economici e utilizzata solo come discarica o risorsa energetica”, come tiene a precisare a fine film.

Il cantautore ha dato volti e forme a ciò che la cultura e il dialetto paesano lasciano sospesi a metà. I luoghi, le indicazioni, i soprannomi, le persone, diventano così concrete. Ritroviamo Armando Testadiuccello, suonatore cieco; la Banda della posta, combriccola di suonatori che sta di guardia alla posta; Peppe Matalena, che ereditò lo stortonome dalla madre. E poi ancora le mammenonne che cantano litanie in mezzo ad un prato all’ora del tramonto, plotoni di maschi che intonano “La padrona mia” o che conversano in piazza.

Immagini di repertorio si alternano al racconto, così la vecchia ferrovia ormai arrugginita riprende vita, e sullo schermo vengono proiettati i momenti della sua costruzione. Le persone che hanno lasciato il paese “tornano”, con le immagini di sposalizi o di comunioni. La trebbiatrice abbandonata vola grazie alla fantasia del cantautore. La colonna sonora è l’anticipazione del nuovo album di Capossela in uscita a Marzo, con titolo: “Le canzoni della Cùpa”. Canti nati accompagnando riti come, appunto, lo sposalizio o la trebbiatura, e impregnati da tradizione, mito e folklore, sono stati raccolti durante un lavoro dalla gestazione più lunga del decennio, che ora vede la luce in questo disco-giacimento.

Dopo la proiezione è stato presentato anche il corto di Lech Kowalski, basato sulla canzone del “Pumminale”, contenuta nell’album in uscita a marzo. “Il Pumminale è il nome che la cultura popolare dava al licantropo. Chi nasce il giorno di Natale viene punito per questo affronto a Dio e nasce licantropo, ma Mastro Giuseppe, dopo essersi abbandonato al richiamo delle “malestrade” e alla seduzione notturna, anziché trasformarsi in lupo diventerà un porco maiale” racconta Capossela. Lech Kowalski è un regista americano, conosciuto dai più per i suoi documentari sulla scena punk londinese, nel 2005 ha vinto il premio Orizzonti al Festival del Cinema di Venezia per il film “East of Paradise”.

Guarda la photogallery
Nel Paese dei Coppoloni: il viaggio di Vinicio Capossela nell’Italia perduta
Nel Paese dei Coppoloni: il viaggio di Vinicio Capossela nell’Italia perduta
Nel Paese dei Coppoloni: il viaggio di Vinicio Capossela nell’Italia perduta
Nel Paese dei Coppoloni: il viaggio di Vinicio Capossela nell’Italia perduta
+3