Kevin Spacey, il fratello: “nostro padre un nazista stupratore, mi frustava” Video

Continua la bufera su Kevin Spacey e sul mondo dello spettacolo. Il fratello di Spacey in una intervista al britannico Daily Mail fa delle dichiarazioni sconcertanti sul padre e sul passato

Una storia raggelante, un passato pesantissimo quello di Kevin Spacey uno degli attori più apprezzati a livello internazionale che in questi giorni si trova alle prese con uno scandalo sessuale che lo riporta a trent’anni prima.

Ad aggiungersi al delirio mediatico, alle dichiarazioni di Netflix e alla cancellazione di House of Chards dal network digitale le dichiarazioni del fratello di Kevin, Randal Fowler, al quotidiano britannico Daily Mail.

L’intera intervista scava nella famiglia di Spacey e nella figura del padre, un uomo mostruoso, violento fisicamente e sessualmente e iscritto al partito nazista americano. Una persona per come descritta degna del peggior horror, secondo il racconto del fratello di Spacey, che oltre a seviziare i figli, a dominare la moglie psico emotivamente, ha anche creato un clima di terrore ed isolamento per tutta la famiglia per anni.

Il padre, secondo le dichiarazione,  ha violentato per anni uno dei figli, il maggiore. La madre era consapevole, Kevin Spacey si è rifugiato nell’arte  del palcoscenico e della pellicola per seppellire quell’orrore secondo il fratello Fowler.

La madre sapeva delle violenze  ma non faceva nulla per intervenire in aiuto dei figli reagendo con un “silenzio di pietra” Dalle dichiarazioni del fratello anche la sorella maggiore ha subito violenze ripetute che l’hanno portata ad abbandonare la casa a 18 anni.

Fowler autista di limousine e a tempo perso imitatore d Rod Stewart  continua la descrizione della vita domestica “ In casa nostra c’erano le tenebre era un orrore assoluto che Kevin cercava di rimuovere”. Il fratello sostiene che Kevin si sia da subito chiuso in un bolla emotiva che lo ha reso gelido alle emozioni fino alle dichiarazioni di questi giorni dove tutto è crollato e lui ha ripreso contatto con la realtà.

Una storia raggelante che vorremmo non fosse vera  e che ci auguriamo non si trasformi in una caccia alle streghe un un modo, quello artistico, dove spesso gli equilibri fra relazioni personali e professionali sono sottilissimi dato che ogni giorno si gioca unicamente sulle emozioni.

Non a margine vogliamo far presente che in rete c’e’ una curiosa pagina dedicata al fratello dove traspare una certa gelosia per la popolarità ottenuta da Kevin grazie al suo lavoro.

Detto ciò Kevin Spacey rimane uno dei più grandi attori dei nostri tempi, dal teatro al cinema, questo non è di certo in discussione.