I’m Art, tra cinema e video arte

Foto
I'm Art tra cinema e video arte. Miart, Sky Arte HD e Woolcan presentano I'M ART, un programma televisivo in quattordici puntate ideato e prodotto in occasione di miart […]
-

I'm Art tra cinema e video arte.

Miart, Sky Arte HD e Woolcan presentano I'M ART, un programma televisivo in quattordici puntate ideato e prodotto in occasione di miart 2015, la ventesima edizione della fiera internazionale d'arte moderna e contemporanea di Milano.

Per la prima volta il canale tematico della piattaforma Sky collabora dal punto di vista editoriale con una fiera alla realizzazione di un nuovo format televisivo, in onda dal 2 al 12 aprile tutti i giorni alle h 20.30.

I'M ART traccia in pillole alcune linee della storia della video arte italiana, dai primi esperimenti degli anni Sessanta alle ricerche più avanzate delle ultimissime generazioni di artisti, indagando il rapporto tra arte visiva e cinema e come questo rapporto sia cambiato nel corso dei decenni con il mutare delle condizioni sociali e delle trasformazioni tecnologiche che hanno portato dall'analogico al digitale, dalla pellicola a internet.

Ogni puntata è presentata da un attore che introduce un artista e un suo lavoro video. Prediligendo uno sviluppo anti-cronologico, il programma procede con continui rimandi tra presente e passato. Le opere video sono state selezionate da Vincenzo de Bellis, Direttore Artistico di miart, mentre Alessandro Roja ha sviluppato il progetto unendo il mondo del cinema a quello dell'arte.

La regia è stata affidata a Francesco Lagi e la produzione a Claudia Ranieri e Alice Sozzi per Woolcan, con il sostegno di Piazza Sempione e Roscioli.

I'M ART è stato realizzato grazie anche alla collaborazione di Careof e il suo Archivio video, con la direzione artistica di Martina Angelotti. Il titolo, I'M ART, parte da un precedente progetto – intitolato I AM e realizzato da Woolcan, in cui dodici attori hanno appreso i segreti delle botteghe artigianali – e viene declinato ora con un nuovo sviluppo legato all'arte.

 

Oltre a essere anagramma della parola MIART, I'M ART prende spunto dalla riflessione secondo la quale lo scarto fondamentale tra video e cinema d'artista è la possibilità di monitorarsi durante la ripresa.

Ogni puntata della serie, trasmessa da Sky Arte HD (canale 120 e 400 di Sky) dal 2 al 12 aprile alle h 20.30, verrà introdotta da un attore diverso, che interpreta presupposti e sviluppi del soggetto prima di lasciare spazio alla visione dell'opera. Pensato per un pubblico trasversale, tanto di neofiti quanto di addetti ai lavori, I'M ART è un innovativo strumento di approfondimento e divulgazione, in linea con il linguaggio di Sky Arte HD e con il lavoro di valorizzazione del moderno e contemporaneo italiano impostato da miart in quest'ultimo triennio.

La serie sarà inoltre visibile all'interno dei padiglioni di miart, dal 10 al 12 aprile, giorni di aperture al pubblico della fiera, nell'area dedicata al canale.

I'M ART abbinamento attori artisti:

Alessandro Roja – Francesco Vaccari  La placenta azzurra (1968) 

Simona Tabasco – Ugo Nespolo La galante avventura del cavaliere dal leito volto (1966-67)

Claudio Santamaria – Pietro Roccasalva Giocondità (2002); Fisheye (2003)

Stefano Fresi – Ugo La Pietra Il monumentalismo (1974)

Claudia Pandolfi – Invernomuto Boomeria (2011) 

Regina Orioli – Gianfranco Baruchello Norme per gli olocausti (1968) 

Carolina Crescentini – Paolo Gioli Quando l'occhio trema (1989)

Domenico Diele – Alessandro Pessoli Autoritratto Petrolini (2014)

Fabio Troiano – Yuri Ancarani San Siro (2014)

Melissa Bartolini – Ra di Martino  La camera (2006)

Riccardo Filippis – Adrian Paci Per Speculum (2005); Centro di permanenza temporanea (2007)

Vinicio Marchioni – Francesco Vezzoli An Embroidered Trilogy (1997-1999)

Massimo De Santis – Patrizio di Massimo Oae (2009)

Francesco Montanari – Diego Perrone Totò nudo (2005); Angela e Alfonso (2002)

 

 

Guarda la photogallery
I’m Art, tra cinema e video arte
I’m Art, tra cinema e video arte