‘Il diritto di opporsi’: tratto da un’ingiusta storia vera

Dal 30 Gennaio al cinema grazie a Warner Bros. Picture arriva "Il diritto di opporsi" con Michael B. Jordan e i premi Oscar® Jamie Foxx e Brie Larson.
-
loading

Dal 30 Gennaio lasciatevi emozionare dal ‘Il diritto di opporsi‘, dramma illuminante tratto da una storia vera che arriverà sul grande schermo distribuito da Warner Bros. Picture. A dirigere uno straordinario cast composto da Michael B. Jordan e i premi Oscar® Jamie Foxx e Brie Larson, troviamo Destin Daniel Cretton .

‘Il diritto di opporsi’: tratto da un’ingiusta storia vera

Leggi anche:– No Time To Die: Billie Eilish firma il brano del nuovo 007

Il film è tratto dal pluripremiato best-seller di memorie di Bryan Stevenson e si basa sulla sua storica battaglia per la giustizia. Una terribile storia vera di ingiustizia quella raccontata da ‘Il diritto di opporsi’ che vede Michael B. Jordan nei panni del giovane avvocato Bryan Stevenson. Dopo essersi laureato ad Harvard, Bryan avrebbe potuto scegliere di svolgere dei lavori redditizi. Invece va in Alabama per difendere le persone condannate ingiustamente; o che non avevano una rappresentanza adeguata. Non è solo nella battaglia: trova sostegno nell’attivista locale Eva Ansley (Brie Larson).

Il diritto di opporsi
@Ufficio Stampa Warner Bros. Picture

Uno dei suoi primi casi, è quello di Walter McMillian (Jamie Foxx), condannato a morte nel 1987 per l’omicidio di una ragazza di 18 anni. Condanna che arriva nonostante molte prove dimostrino la sua innocenza. E nonostante il fatto che l’unica testimonianza contro di lui è quella di un criminale con un movente per mentire. Bryan si ritroverà in un labirinto di manovre legali e politiche, di razzismo palese e sfacciato, mentre combatte per Walter, e altri come lui, con le probabilità – e il sistema – contro.

La sceneggiatura è firmata da Cretton e Andrew Lanham e come dicevamo è basata sul libro Just Mercy: A Story of Justice and Redemption di Stevenson (in Italia uscirà in concomitanza con l’arrivo al cinema del film, di cui ne prende anche il nome). Il libro pubblicato nel 2014 da Spiegel & Grau, è stato per 180 settimane nella lista dei best seller del New York Times, e nel complesso è stato nominato uno dei migliori libri dell’anno da numerosi top outlets, tra cui TIMEMagazine.

Per la sua opera, Stevenson si è aggiudicato inoltre la Andrew Carnegie Medal for Excellence, un NAACP Image Award e il Dayton Literary Peace Prize per la Nonfiction.

Crediti foto@Ufficio Stampa Warner Bros. Picture