Eva Grimaldi: il toy boy? Io ce l’avevo quando non esisteva la parola

Foto
Alla presentazione dell’accademia di recitazione Star Academy c’era anche lei, Eva Grimaldi, bellissima e grintosa come non mai. TROPPI PREGIUDIZI, LA STAR DI BEAUTIFUL SI […]
-
loading

Alla presentazione dell’accademia di recitazione Star Academy c’era anche lei, Eva Grimaldi, bellissima e grintosa come non mai.

TROPPI PREGIUDIZI, LA STAR DI BEAUTIFUL SI RIBELLA

L’attrice, entrata nel cuore di tantissimi spettatori partecipando a Pechino Express, ha parlato ai nostri microfoni dei suoi esordi, dell’amore, di Pechino ma anche dei toy boy.

 “Vengo da una famiglia molto povera e cattolica, fare l’attrice era un’utopia e c’erano dei pregiudizi, ho combattuto tantissimo contro la mia famiglia”, ha raccontato Eva Grimaldi, che ha poi consigliato agli aspiranti attori: “Non puntate sull’amore degli altri ma su voi stessi”

Le abbiamo chiesto se Pechino Express, l’adventure game a cui ha partecipato lo scorso anno con l’amica Roberta, l’abbia in qualche modo cambiata. E lei ci ha risposto:

“No, non mi ha cambiato, sono sempre stata così e l’ho fatto per far uscire il mio lato umano, in un periodo in cui nessuno si mostra com’è. Cosa vuol dire Cougar? Significa essere pantera, una donna indipendente ed avere il toy boy, io già l’ho fatto quando ancora non esisteva neanche la parola

Su una sua eventuale partecipazione a Pechino Express 2015 nel ruolo di guest star, Eva Grimaldi è criptica e ci risponde: “ho già dato”

Potrebbe trasformarsi nella Contessa della nuova edizione del gioco di Rai2?

 

Guarda la photogallery
Eva Grimaldi: il toy boy? Io ce l’avevo quando non esisteva la parola
Eva Grimaldi: il toy boy? Io ce l’avevo quando non esisteva la parola
Eva Grimaldi: il toy boy? Io ce l’avevo quando non esisteva la parola
Eva Grimaldi: il toy boy? Io ce l’avevo quando non esisteva la parola
+2