La Certosa di Trisulti ha riaperto al pubblico: ecco perché visitarla e come

Foto
Dopo una battaglia giudiziaria lunga tre anni, la Certosa di Trisulti torna ad aprire le sue porte al pubblico.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Dopo una travagliata vicenda giudiziaria, la Certosa di Trisulti torna ad accogliere il pubblico da martedì 9 Novembre. La notizia arriva dal ministro della Cultura Dario Franceschini e dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

“Oggi è un giorno di festa perché una meraviglia europea del nostro territorio rischiava di chiudere o essere affidata a chi l’avrebbe tolta alla fruizione pubblica”

Nicola Zingaretti

La Certosa di Trisulti ha riaperto al pubblico: ecco perché visitarla e come

LEGGI ANCHE: — Il borgo medioevale con la cascata al centro del paese, ecco dove si trova

Siamo a Collepardo in provincia di Frosinone. Qui immersa nel verde e a controllo di tre valichi si trova la suggestiva Certosa di Trisulti. Voluta da Papa Innoncenzo III nel 1200, venne assegnata inizialmente ai Certosini per poi passare nel 1947 ai Cistercensi di Casamari.

Una meraviglia riconosciuta monumento nazionale con Decreto ministeriale del 17 luglio 1879 le cui porte saranno aperte al pubblico tutti i giorni gratuitamente. E nel weekend verranno organizzate visite guidate (necessaria la prenotazione e l’obbligo del green pass).

L’accesso a questo complesso, avviene attraverso un grande portale sormontato da un mezzo busto di San Bartolomeo. Sul piazzale principale si affaccia l‘antica foresteria detta ‘il palazzo di Innocenzo‘: in stile romanico gotico, accoglie al suo interno l‘antica biblioteca con 36000 volumi. Anche la Chiesa di San Bartolomeo ha il suo affaccio sulla piazza e tornerà a tenere le messe per i fedeli.

Da non perdere la visita alla Farmacia. Qui sarete incantati dalle decorazioni trompe-l’oeil di ispirazione pompeiana e dagli antichi armadi che conservano i vasi in cui venivano tenute le erbe e i veleni (estratti dai serpenti) per le medicazioni.

Trisulti, Lazio. Trisulti Charterhouse is a monastery located in the municipality of Collepardo, in the province of Frosinone. It is recognized as a national monument in 1879.

Di fronte alla Farmacia si trova il bellissimo giardino all’italiana. Era in questo splendido posto che i monaci coltivavano le erbe medicamenatali e per i liquori.

Per la prima volta sono accessibili al pubblico anche: il refettorio, il chiostro rettangolare, gli edifici monasteriali e prossimamente anche il cimitero dei monaci.

Per info e prenotazioni è possibile consultare il sito www.polomusealelazio.beniculturali.it

La vicenda giudiziaria

La Certosa di Trisulti è stata al centro di una travagliata vicenda giudiziaria lunga tre anni. Dal 2018 era affidata all’associazione di stampo sovranista, Dignitatis Humanae Institute di Benjamin Harnwell (molto vicino all’ex consigliere e stratega di estrema destra Steven Bannon di Donald Trump) che voleva farne una scuola politica. Ma i requisiti presentati dall’associazione erano stati falsamente prodotti. L’insurrezione delle comunità locali e l’attivazione del ministero della Cultura e della Regione Lazio, hanno fatto sì che l’affidamento venisse bloccato. Dopo tre anni di lotte legali, la Certosa è gestita dal Polo museale del Lazio e alla Laziocrea, società della Regione ed è tornata ad essere aperta al pubblico.

Crediti foto@Shutterstock

Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!

 
Guarda la photogallery
La Certosa di Trisulti torna ad aprirsi al pubblico
Immersa nel verde, fu costruita all'inizio del 1200
Una meraviglia riconosciuta monumento nazionale con Decreto ministeriale del 17 luglio 1879
Imperdibile una visita alla Farmacia della Certosa
+1
Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!