The Good Fight, sbarca in Italia lo spin-off di The good wife Foto

Nel cast dello spin off della pluripremiata serie Christine Baranski nei panni di Diane Lockart e Rose Leslie, la bruta Ygritte che ne 'Il trono di spade' ma anche nella vita reale ha conquistato il cuore di Kit Harington/Jon Snow

Chiunque abbia amato The good wife, l’iconica serie CBS con Julianna Margulies e Chris Noth, non potrà che fare altrettanto con lo spin off The good fight, che dal 14 novembre è disponibile in Italia su TimVision.

La storia vede al centro Diane Lockart, l’ambiziosa e cinica avvocatessa interpretata da Christine Baranski (già vincitrice di un Emmy, due Tony Awards e tre SAG), costretta a rimettersi in gioco per difendere se stessa, il suo patrimonio e la sua carriera: la narrazione riprende un anno dopo l’episodio finale di The Good Wife con l’immagine emblematica di Diane Lockhart che seduta sul divano guarda incredula alla tv il giuramento di Donald Trump da nuovo Presidente degli Stati Uniti d’America.

Diane, che aveva deciso di lasciarsi alle spalle il passato andando in pensione e godendosi la vita in Provenza, è coinvolta in una  gigantesca truffa finanziaria che rischia di portarle via soldi, stima e reputazione. Per questo è costretta a reinventarsi in un piccolo studio legale, in ascesa, insieme al neo avvocato Maia Rindell, che ha il volto di Rose Leslie. Rose è già nota al pubblico mondiale per la parte della “bruta” Ygritte in Game of Thrones, ma anche perchè la storia d’amore sul piccolo schermo con Jon Snow (Kit Harington) è diventata realtà e i due si sono recentemente sposati.

In America la prima serie è già un successo e ne è stata ordinata una seconda: le critiche più positive si sbilanciano a dire che potrebbe superare la serie madre.

Guarda la photogallery
The Good fight, spin off di The good wife
Christine Baranski e Rose Leslie in The good fight
The good fight
The good fight
+1