The OA, una serie indefinibile che ci chiede di credere

Foto
Possiamo definirla la vera sorpresa della stagione 2016/2017 su Netflix: lanciata senza grandi clamori e senza scendere troppo nel dettaglio, The OA è stato senz'altro […]
- - Ultimo aggiornamento
The OA, una serie indefinibile che ci chiede di credere

Possiamo definirla la vera sorpresa della stagione 2016/2017 su Netflix: lanciata senza grandi clamori e senza scendere troppo nel dettaglio, The OA è stato senz'altro il prodotto che più di ogni altro ha fatto discutere gli spettatori, a cui ha chiesto un vero e proprio atto di fede.

Si chiama sospensione della credulità e a volte gli spettatori ci scivolano dentro senza neanche accorgersene: in questo caso la discesa è stata più lenta e più difficoltosa, in qualche caso ha suscitato un senso di ribellione e soprattutto è stata una linea spartiacque. Si può decidere di credere o non credere e una volta presa questa decisione, sarà difficile giudicare la serie senza esserne influenzati.

The OA racconta la storia di Prairie, una ragazza cieca scomparsa per 7 anni dalla casa dei suoi genitori adottivi e poi ritrovata, miracolosamente tornata in possesso della vista: da qui inizia una nuova vita per lei, che la porterà a tentare di ritrovare l'uomo che ama, rimasto intrappolato in un luogo difficile da raggiungere.

Difficile è anche spiegare questa serie o tentare di incasellarla in una categoria ben definita: in conclusione tutto riporta alla stessa domanda, possiamo credere a Prairie? E' veramente l'Angelo Originale, è stata veramente tenuta in gabbia e sottoposta ad una lunga serie di morti per scoprire cosa succede dopo la vita, o è soltanto una donna malata di mente che ha trascorso sette anni suonando il violino in metropolitana?

Guarda la photogallery
The OA, una serie indefinibile che ci chiede di credere
The OA, una serie indefinibile che ci chiede di credere
The OA, una serie indefinibile che ci chiede di credere
The OA trailer Netflix
+1