Stop alla produzione di Pluriball, ecco perchè

Foto
Finisce l'epoca della produzione di pluriball Alzi la mano chi almeno una volta nella vita non si è divertito a scoppiare le bolle d’aria degli […]
-
loading

Finisce l'epoca della produzione di pluriball

Alzi la mano chi almeno una volta nella vita non si è divertito a scoppiare le bolle d’aria degli imballaggi di plastica anti-urto, meglio conosciuti in Italia sotto il nome di Pluriball.

NON BUTTATE  LE BUSTINE DI GEL DI SILICE, ECCO PERCHE'

L’imballaggio con le bolle d’aria che è spopolato in tutto il mondo a partire dal 1957, quando due ingegneri lo hanno lanciato sul mercato, ora è destinato a ‘scoppiare’ definitivamente.

I due inventori – che hanno fondato la società ‘Sealed Air’ – stanno infatti mandando in pensione i fogli di ‘Bubble Wrap’ (così vengono chiamati in America) al fine di immettere sul mercato altri prodotti ben più economici.

 

La produzione di Pluriball è dunque giunta alla fine e l’erede dell’imballaggio con le bolle sarà l’iBubble Wrap, un foglio di plastica dalla tecnologia avanzatissima che sarà certamente più competitivo con la vasta gamma di prodotti simili utilizzati nell'e-commerce.

OGGETTI ANNI ’90 CHE VALGONO UNA FORTUNA 

Due le differenze principali: la prima è che il Pluriball viene venduto sgonfio e sarà successivamente gonfiato con una speciale pompa fornita dal produttore; l’altra è che le bolle della versione 2.0. del Bubble Wrap sono tutte collegate tra di loro e non rinchiuse in singoli spazi: così facendo, quando proviamo a scoppiarle, l’aria si sposta nella bolla successiva.

Ciò permette di ridurre del 50% il volume dell’imballaggio anti-urto, così risulterà ugualmente resistente, ma meno ingombrante e – aggiungiamo noi – molto meno divertente.

L’INVENZIONE DEL SECOLO 

Guarda la photogallery
Stop alla produzione di Pluriball, ecco perchè
Stop alla produzione di Pluriball, ecco perchè
Stop alla produzione di Pluriball, ecco perchè
Stop alla produzione di Pluriball, ecco perchè
+1