Camminare all’indietro fa bene alla memoria: ecco cosa succede al nostro cervello Foto - Video

Un gruppo di psicologi inglesi ha scoperto che camminare all’indietro fa bene alla memoria: è come ‘un viaggio nel passato’, hanno spiegato. Ecco il motivo per cui la cosiddetta retrorunning può aiutarci a ricordare

Camminare all’indietro fa bene alla memoria: ecco perché

Si chiama ‘camminata del gambero’ o – se vi piace di più – retrorunning e ha grandi benefici sulle nostre attività mnemoniche: camminare all’indietro, infatti, fa bene alla memoria, soprattutto quella a breve termine.

A questa conclusione sono arrivati alcuni ricercatori dell’Università di Roehampton, in Inghilterra che hanno condotto esperimenti su centinaia di volontari.

LEGGI ANCHE: — Come vincere l’ansia da prestazione sotto le lenzuola: conoscete l’ormone del bacio?

Il dottor Aleksandar Aksentijevic e il suo team hanno chiesto al gruppo di volontari di memorizzare alcuni frame di una clip video, un elenco di parole e una serie di immagini e successivamente di eseguire alcuni esercizi come camminare in avanti, all’indietro, restare fermi o immaginare di muoversi avanti e indietro.

I dati raccolti, poi pubblicato sulla rivista specializzata Cognition, hanno evidenziato che chi camminava all’indietro o pensava soltanto di farlo ricordava prima e meglio le informazioni incamerate in precedenza. Gli esperti hanno chiamato questa reazione “effetto mnemonico del viaggio nel tempo”.

In altre parole la retrorunning ci aiuta a recuperare elementi e informazioni che abbiamo immagazzinato facendoci compiere un viaggio mentale all’indietro.

Guarda la photogallery
Camminare all’indietro fa bene alla memoria: ecco cosa succede al nostro cervello
+1

Eleonora D'Urbano

34 anni, una laurea in Storia del Cinema Italiano, una in Storia e Tecnica della Fotografia e... una sana passione per il gossip e la tv.

ROMA

Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!