‘E’ inguardabile’, Pippo Baudo stronca i palinsesti estivi della RAI

Foto
Niente mezze misure per Pippo Baudo, storico conduttore Rai che ha appena festeggiato (in replica) i suoi 84 anni: bocciatura diretta per il palinsesto estivo Rai e stoccata per il conduttore più promettente della tv moderna
- - Ultimo aggiornamento
loading

Pippo Baudo è fra le voci più autorevoli in Italia quando si parla di tv: a lui tutto è concesso, anche se si tratta di critiche e stroncature. Dopo 60 anni di carriera televisiva è decisamente un diritto guadagnato sul campo.

In questi giorni Baudo, che ha appena compiuto 84 anni (ed è stato festeggiato da un “buon compleanno” in prima serata, anche se in replica) si è divertito a fare il direttore di rete, organizzando il palinsesto giornaliero di Rai Storia: ha parlato di questa esperienza in una intervista al “Corriere della sera”, dove però non ha perso l’occasione per qualche frecciatina, alla Rai ma non solo.

LEGGI ANCHE: — Pippo Baudo compie 84 anni, il dolce regalo di Katia Ricciarelli per l’ex marito

Pippo Baudo stronca i palinsesti estivi Rai

Alla domanda “La tv di oggi come le sembra”, Pippo Baudo stronca il palinsesto estivo senza farsi pregare: “Anche se sono stati molto gentili a replicare due volte la mia festa di compleanno, la televisione in questi giorni è inguardabile, tutto già visto, solo repliche. E il virus c’entra fino a un certo punto, la tv estiva è sempre stata così ed è una cosa che ho sempre rimproverato alla Rai. Mentre è giustificato che la tv commerciale da maggio abbassi un po’ la quantità dell’offerta visto che è gratis, la Rai non può: il telespettatore paga il canone per tutto l’anno, non per 9 mesi

Una critica che, guardando la programmazione estiva Rai, non sembra certo immotivata: giugno e luglio verranno scanditi dalle repliche delle serie più amate dal pubblico, da “Che Dio ci aiuti” a “Non dirlo al mio capo”, passando per “Il giovane Montalbano” e “Nero a metà”. L’unica innovazione, lo show di Carlo Conti “Top 10“, andato in onda domenica 14 giugno per la prima volta.

Pippo Baudo: “Cattelan? Un oggetto misterioso”

Gli strali di Baudo raggiungono anche il lato conduttori: parlando del fatto che in tv imperversano sempre gli stessi conduttori over 50, Pippo afferma che “non c’è ricambio ai soliti noti” e quando gli si fa il nome di Alessandro Cattelan, il conduttore giovane più interessante degli ultimi anni, non ha grandi parole di elogio per lui.

Lui (Cattelan, n.d.r) è un oggetto misterioso per me. È un ragazzo colto, che parla benissimo inglese, però gli manca qualcosa. Forse dovrebbe avere il coraggio di fare il salto in Rai”

 

Guarda la photogallery
Pippo Baudo, 60 anni di carriera, il Grande Vecchio della tv italiana
Baudo:
Pippo Baudo, una tv estiva fatta di repliche
Baudo: