Linea Bianca: ottimo debutto per Massimiliano Ossini su Rai1 Foto - Video

Ottimo debutto di Linea Bianca, il programma condotto da Massimiliano Ossini su Rai 1. Il programma ha ottenuto il 13,5% di share con 2.132.000 di telespettatori.

L’1 dicembre ha debuttato su Rai 1 Linea Bianca, il nuovo programma di Massimiliano Ossini, che ha ottenuto il 13,5% di share con 2.132.000 di telespettatori.

Dopo il successo di Uno Mattina Estate e l’attuale impegno con Mezzogiorno in famiglia – il programma più visto del weekend di Rai2 – Ossini torna alla guida di Linea Bianca, in onda ogni sabato alle ore 14 su Rai1.

Al tradizionale appuntamento con la montagna si aggiunge la già avviata rubrica La mia montagna, in onda ogni venerdì mattina all’interno di Uno Mattina: uno spin-off di Linea Bianca che vuole raccontare altre sfumature, ma sopratutto esserne l’anteprima della puntata in onda il sabato pomeriggio.

Laura Pausini e Biagio Antonacci: “Vi raccontiamo il ricordo più bello della nostra amicizia”

In occasione di alcune interviste, come quella rilasciata ieri in diretta a La vita in diretta su Rai1, Ossini ha raccontato alcuni retroscena in cui è stato coinvolto.

“Ho rischiato di morire durante le registrazioni di Linea Bianca ma per fortuna io e la mia squadra stiamo bene – ha dichiarato – Siamo rimasti a quattromila metri, sul cocuzzolo della montagna. Mi sono spaventato molto. Li subentra anche il panico”.

Un occasione anche per poter precisare quanto sia importante attrezzarsi ed affrontare certe situazioni o sport con consapevolezza e capacità: “Mai avventurarsi da soli, bisogna affidarsi a persone che conoscono bene la montagna. – conclude Ossini – Chi viene in montagna con noi deve essere un po’ alpinista, anche gli operatori si allenano”.

L’appuntamento con la prima puntata è oggi alle ore 14 su Rai1.

#Riccanza 3
Guarda la photogallery
Ottimo debutto per Linea Bianca di Massimiliano Ossini
Lo spin-off di Linea Bianca
"Ho rischiato di morire"
"Mai avventurarsi da soli"

Grazia Cicciotti

Giornalista e divanista: amo scrivere, ma più di ogni altra cosa amo lavorare seduta.