Mario Giuliacci su Cielo introduce i film sulle calamità (e ci dice com’è nata la mossa della buonasera)

Foto
La nostra intervista a Mario Giuliacci, che su Cielo introduce il ciclo di film Sereno Variabile e che ci racconta com'è nata la mossa della buonasera.
-
loading

Debutta il 24 ottobre su Cielo (DTT 26, Sky 126, TivùSat 19) e andrà poi in onda ogni mercoledì alle 21.15 il ciclo di film Sereno Variabile: cicloni, tornado, tempeste, uragani, maremoti e glaciazioni improvvise sono destinati a sconvolgere il palinsesto del canale.

A introdurre i lungometraggi non poteva che esserci Mario Giuliacci, il famoso meteorologo, che saprà spiegarci la natura di ogni fenomeno atmosferico, scongiurandone gli effetti catastrofici.

“Sono film che guardo – rivela ai nostri microfoni Giuliacci – ad esempio, The Day After Tomorrow spiega in parte il blocco della corrente del Golfo. Nel film avviene tutto in quattro mesi, però devo dire che è un evento scientifico credibile. Probabile, anzi quasi certo se andiamo avanti così. Sono film che mi appassionano, mi sembra di navigare nella mia atmosfera”.

Chiediamo poi a Giuliacci di rivelarci come sia nata la mossa della buonasera.

Manuel Agnelli e Asia Argento insieme sul red carpet del Festival di Roma

“Ha un origine reale – risponde – io sono nato in Umbria e lì c’è ancora un rispetto delle persone molto profondo. Quando incontro gli amici di un tempo, mi viene spontaneo accennare un inchino. Per cui, quando mi dissero che sarei andato in tv ogni sera, mi dissi che non potevo comportarmi così. E venne fuori un inchino un po’ sbilenco. I giornalisti iniziarono a dire che avevo inventato una mossa per favorire Striscia la notizia che andava in onda subito dopo, per cui inventai realmente una mossa”.

Sereno Variabile, tutti i film in programmazione

Il ciclo di film si apre con Tornado F6: la furia del vento, in prima visione tv. Un tornato si abbatte su una cittadina americana, distruggendo una piccola stazione di servizio. Il meteorologo Ethan Walker capisce subito che quello non sarà un semplice caso isolato, ma il preludio di un vero e proprio disastro. Per Ethan è giunto il momento di allertare tutti, soprattutto la sua famiglia prima che sia troppo tardi.

In Super Storm: l’ultima tempesta (31 ottobre) la grande macchia rossa, la famosa macchia di Giove, è scomparsa. Quando delle massicce tempeste interessano il Nord America, è subito evidente che l’enorme tempesta, che per secoli ha interessato Giove, è arrivata sulla Terra. Inghiottendo tutti lungo il suo cammino, la grande macchia rossa rischia di trasformare la Terra in una gigante nuvola di gas. L’unica speranza di salvezza della terra risiede in uno straordinario progetto scientifico elaborato da un gruppo di liceali nerd.

In Tornado Valley (7 novembre), in prima visione tv, Liz, esperta meteorologa, è tormentata dal ricordo di uno spaventoso tornado che venticinque anni prima ha spazzato via la sua casa e la vita della madre. Trasferitasi da poco nel Minnesota, scopre insieme al suo ex-marito e collega Matt, che una minacciosa tromba d’aria è in via di formazione.

Sarà un minaccioso tornado a mettere in pericolo tutti gli abitanti della Grande Mela in Massima allerta: tornado a New York (14 novembre), pellicola del 2008 diretta da Tibor Takács. A causa del riscaldamento globale che ha causato la separazione tra le atmosfere, alcune violente tempeste provocano un terribile vortice su Manhattan. Il deputato James Lawrence e la metereologa Cassie avranno solo 24 ore di tempo per mettere in salvo la città.

In Cold Zone – Minaccia ghiacciata (21 novembre), film del 2017 di John MacCarthy, la Terra sta per subire un terribile congelamento globale. Solo grazie all’intevento di uno scienziato e un ambientalista che hanno capito subito la situazione, la popolazione ha ancora una speranza di salvezza.

Protagonista di San Andreas Quake (28 novembre) è, invece, Jhey Castles. Quando la screditata sismologa di Los Angeles avverte l’arrivo di un imminente terremoto di una magnitudo di oltre 12 gradi, nessuno la prende sul serio. Completamente sola Jhey corre disperatamente per salvare la sua famiglia prima che terremoto distrugga completamente la città.

In Deadly Voltage (5 dicembre), film del 2016 di John L’Ecuyer, a minacciare la Terra è invece una tempesta di fulmini. A farne le spese sarà un ricercatore in vacanza con i figli adolescenti.

A chiudere il ciclo Sereno Variabile, mercoledì 12 dicembre, 100 Gradi sotto Zero. All’improvviso l’Europa viene sconvolta da un’incredibile serie di eruzioni vulcaniche e quasi tutto il continente rischia di piombare in una nuova era glaciale. Steve Foster, pilota dell’esercito americano in pensione, deve fare di tutto per raggiungere il figlio Ryan e la figlia Taryn, che si trovano a Parigi, e portarli via prima che sia troppo tardi.

RomaFF13: MANUEL AGNELLI-ASIA ARGENTO
Guarda la photogallery
Sereno Variabile su Cielo, introduce Mario Giuliacci
Giuliacci:
La mossa della buonasera
Si inizia con Tornado F6