Il Commissario Montalbano, altre puntate? Cosa svela Zingaretti sul futuro della serie tv

Foto
Nuovo episodio de Il commissario Montalbano, sarà l'ultimo? Ecco cosa ha raccontato Zingaretti ai nostri microfoni
- - Ultimo aggiornamento
loading

Mentre mercoledì 14 Aprile Rai Uno ripropone l’episodio ‘Salvo amato, Livia mia’, una domanda continua a presentarsi nella mente degli spettatori: ci saranno altre puntate nuove de Il Commissario Montalbano? La perdita di Andrea Camilleri in primis e di Alberto Sironi storico regista della serie poi hanno reso incerto il futuro di questa fiction così amata.

LEGGI ANCHE:– Stasera in tv, Il Commissario Montalbano su Raiuno: nuova indagine per Zingaretti

A prendere le redini della regia delle ultime tre puntate è stato Luca Zingaretti, che in merito al futuro del personaggio che lo ha reso tanto celebre si dice incerto. Lo ha ripetuto anche durante la nostra intervista: “Penso, come diceva Falcone, che ogni cosa umana ha un inizio un centro e una fine. Montalbano finirà, forse è già finito chi lo sa. Tra l’altro la fine letteraria se l’era già inventata e l’aveva scritta Camilleri. Ora io mi son trovato a perdere tre amici, complici di questa avventura e non so se ho voglia di tornare su quel set che ho condiviso con degli affetti veri e reali. Tornare sul set senza questi affetti, mi farebbe una tristezza infinita. Quindi oggi come oggi mi viene da dire la finiamo qua.”

Poi mi chiedo se non sarebbe più giusto anche in nome di Camilleri tornare sul set e portare la nave in porto.. Non lo so, in questo momento non ho voglia di prendere sinceramente una decisione.

Luca Zingaretti ai nostri microfoni

Il Commissario Montalbano, fine di un’epoca?

Insomma il futuro di Montalbano è incerto. Lo ribadisce anche Peppino Mazzotta, alias l’ispettore Fazio, che in un’intervista al settimanale Gente ha dichiarato che non vedremo nuovi episodi de Il Commissario Montalbano.

“Il Montalbano televisivo è concluso. Non credo si faranno altre puntate: le notizie che abbiamo ricevuto finora dicono così. Sono venute a mancare tutte le figure chiave. Anche se l’ultimo romanzo di Montalbano, Riccardino, non è stato girato, e io penso e ho sempre detto che sarebbe un dovere morale fare almeno quello, perché chiude la vicenda del commissario. Ma bisogna rispettare la decisione presa”

Fine di un’epoca dunque? Così sembrerebbe, anche se oltre a Zingaretti anche l’ad della Rai Fabrizio Salini non si è mai sbilanciato al riguardo, lasciando accesa la fiamma della speranza: “Per il momento non abbiamo nessuna novità specifica sul futuro della serie”

L’ultimo nuovo episodio dell’amato Commissario ‘Il metodo Catalanotti’, è andato in onda lunedì 8 marzo 2021. Resta ancora un romanzo scritto da Camilleri che potrebbe essere realizzato ‘Riccardino’ che lo scrittore chiese alla casa Editrice Sellerio di pubblicare solo dopo la sua morte. Non resta che avere pazienza e vedere se anche questo ultimo racconto prenderà vita in tv.

Intervista a Luca Zingaretti

“Non c’era nessun contratto che ci obbligasse ad andare avanti”

Luca Zingaretti

Dopo più di 10 anni, questo ruolo continua ad emozionare Luca Zingaretti che hai nostro microfoni, racconta come una passione ed un entusiasmo sinceri abbiano sempre mosso la realizzazione di ogni episodio.

“Ogni volta che abbiamo fatto qualcosa su Montalbano, ogni serie, è stata fortemente voluta. Non c’era nessun contratto che ci obbligasse ad andare avanti e questo ci ha anche permesso di non abbassare mai la guardia, di non perdere mai l’entusiasmo che poi è il segreto per essere così longevi. Io mi diverto sempre tantissimo.”

Per l’attore, Montalbano continua ad essere un amico reale, che andava a trovare per qualche settimana e con il quale si confrontava su come andava la vita. Ma il personaggio nato dalla penna di Camilleri è anche un modello di uomo da cui prendere esempio. Per la sua integrità, per il suo essere giusto.

È un uomo uguale con tutti sia con il potente che con i deboli, questa è una cosa, un atteggiamento che mi piace immensamente in tutte le persone.

Ma cosa accadrà a Montalbano?

Ci sarà una fine televisiva oppure dopo la scomparsa di Camilleri e del regista Sironi, quello che vedremo lunedì 8 in televisione sarà l’ultimo appuntamento? Una riflessione ed una decisione difficile per Zingaretti che visto anche il terribile anno che abbiamo vissuto, in cui il tempo si è fermato, non se la sente di prendere una posizione definitiva.

“Penso, come diceva Falcone, che ogni cosa umana ha un inizio un centro e una fine. Montalbano finirà, forse è già finito chi lo sa. Tra l’altro la fine letteraria se l’era già inventata e l’aveva scritta Camilleri. Ora io mi son trovato a perdere tre amici, complici di questa avventura e non so se ho voglia di tornare su quel set che ho condiviso con degli affetti veri e reali. Tornare sul set senza questi affetti, mi farebbe una tristezza infinita. Quindi oggi come oggi mi viene da dire la finiamo qua.

Ma poi mi sorge un altro pensiero e mi chiedo se non sarebbe più giusto anche in nome di Camilleri tornare sul set e portare la nave in porto.. Non lo so, in questo momento non ho voglia di prendere sinceramente una decisione.”

Perché guardare questo nuovo episodio?

Perché assisteremo ad una frattura nel commissario e ad una delle scene più strazianti.

“Perché c’è un elemento enorme nuovo: una frattura nel percorso di Montalbano. E poi c’è una scena struggente terribile dolorosissima: quella della separazione tra Montalbano e Livia, che secondo me è qualcosa che non si può perdere.”

Crediti foto@ufficio stampa rai

Guarda la photogallery
Il commissario Montalbano: non lo rivedremo più in tv?
Le parole dell'ispettore Fazio
Fine di un'epoca dunque?
+1