Il Collegio 4: intervista a Carmelo Trainito l’insegnante di breakdance

Ogni martedì su Rai2 va in onda il Collegio 4, quest'anno ancora più seguito. Tra le novità il prof di breakdance: ecco la nostra intervista a Carmelo Trainito.

Martedì 12 Novembre andrà in onda la quarta puntata de Il Collegio, il programma di Rai2 che quest’anno giunge alla sua quarta edizione. Un’edizione molto seguita soprattuto dai giovani e ricca di novità, a partire da 5 nuovi insegnanti, tra cui l’insegnante di breakdance Carmelo Trainito, che noi abbiamo intervistato.

Il Collegio 4: intervista a Carmelo Trainito l’insegnante di breakdance

Ancora una volta ad ospitare il programma di Rai 2 è il Collegio Convitto di Celana di Caprino Bergamasco, in provincia di Bergamo; una splendida struttura del 1579 che funzionava come collegio maschile e femminile e come istituto scolastico per i semi-convittori e per gli studenti esterni. In questo Collegio 4, gli studenti si trovano nel 1982. Come dicevamo questa nuova edizione si contraddistingue per tante novità e colpi di scena.

Al fianco dei riconfermati prof. (quelli di inglese, arte, italiano e educazione civica, matematica e scienza, storia e geografia) troviamo le nuove entrate: Daniele Calanna (Educazione fisica); Giovanna Giovannini (Educazione musicale), Valentina Gottlieb (Aerobica), Carlo Santagostino (Informatica) e Carmelo Trainito (Breakdance).

Leggi anche:– Il Collegio 4: l’esilarante lezione di inglese. Clip esclusiva

Tra novità e conferme: ecco chi è Carmelo Trainito

Iniziamo con il conoscere qualcosa di più sul prof di Breakdance attraverso la nostra intervista a Carmelo Trainito. 28 anni classe 1991, nato a Mainz (Germania) Carmelo è cresciuto in Sicilia. E’ stato nel corpo di ballo di X Factor e ha preso parte anche al programma Alex &Co. Carmelo oggi è uno dei nuovi insegnanti de l Collegio 4.

Cosa ti ha colpito di questa nuova avventura per cui hai accettato di entrare a far parte di questo docu-reality?

“La cosa che mi ha colpito maggiormente di questa avventura al Collegio è stato il mood del programma. Il fatto di ambientare il programma in un periodo passato come il 1982 è una cosa veramente affascinante secondo me. E vedere dall’interno il modo in cui viene svolta la cosa è ancora più bello.”

Essere insegnante: cosa ti ha colpito in positivo di questi ragazzi e quale ‘strategia’ hai messo in atto per ‘conquistarli’

“La cosa che mi ha colpito in positivo di tutti i ragazzi è vedere l’interesse per la mia materia e il modo in cui hanno avuto approccio con il ballo.
La tecnica che ho attuato per conquistarli è quella di rimanere totalmente me stesso e avere un dialogo da amico con loro.
Essendo il professore più giovane rispetto agli altri, sicuramente l’approccio tra me e loro è stato diverso.”

Che tipo di alunno eri?

“Alla fine ero un alunno tranquillo, avevo già le idee chiare, volevo che gli anni passassero velocemente senza perderne uno, perché dovevo intraprendere il mio percorso con la danza. Non studiavo molto, perché ero sempre a ballare, ma studiavo il necessario per far si che potessi essere promosso e non perdere anni inutili.”

C’è stato un professore che è stato una sorta di mentore per te?

“Non ho avuto nessun professore che mi abbia fatto da mentore o che fosse un punto di riferimento per me. Ero molto sulle mie, gli altri ragazzini mi prendevano in giro, perché ballavo, diciamo che mi sono creato una corazza.”

Sei molto attivo su Instagram, che valore hanno i social per te?

“Grazie ai Social sicuramente chi ha un vero e proprio talento può farsi notare e può dare sfogo alla creatività, anche se molte volte si trasforma tutto in una critica.
Questa è l’unica cosa che mi dispiace dei social. Io sono molto attivo, è vero. Condivido semplicemente la mia vita “artistica” con i miei followers.
Sono un tipo riservato e preferisco tenere la mia vita privata fuori da tutto ciò. Non è secondo me un mondo sano al 100%.”

Che tipo professore vuoi essere?

“Un professore che dialoga con gli allievi che apprezza le loro idee e che condivide tantissimo con loro. Cerco di essere un amico sempre in ogni circostanza mantenendo la mia carica di insegnante. Penso che la mia esperienza di vita possa dare qualcosa a ognuno di loro. Il fatto di credere in quello che fai, sempre la voglia di viaggiare, scoprire e conoscere sin da bambino, mi ha portato a essere così. Riesco a interagire senza pregiudizi e quello mi aiuta tanto a scoprire le persone per come sono.”

L’appuntamento con Carmelo Trainito e il Collegio 4 è ogni martedì su Rai 2; nella puntata del 12 novembre, un professore si assenterà e al suo posto arriverà una supplente. Di chi si tratterà?

Crediti foto@Ufficio Stampa Daniele Mignardi Promopressagency

Il Collegio 4 i ragazzi possono lavarsi roberta zacchero si lavano
Elena Balestri

Elena Balestri

Toscana, una laurea in Architettura e un grande amore per il teatro e il raccontare storie. Su Funweek vi racconterò il mondo del Cinema e della TV.