Gomorra 4, Micky è il personaggio da tenere d’occhio: parola di Luciano Giugliano

E' una delle new entry di questa nuova stagione e siamo certi che ci riserverà delle grandi sorprese: in Gomorra 4 Micky è uno dei personaggi da tenere d'occhio. Ce lo racconta Luciano Giugliano

Questa sera su Sky Atlantic e su Sky Cinema Uno HD, arrivano le puntate cinque e sei di Gomorra 4. Micky decisamente è uno dei personaggi da tenere d’occhio. Con il suo stile dandy e non solo ha fatto breccia nel cuore di Patrizia, ma cosa dobbiamo aspettarci da Michelangelo Levante? Lo abbiamo chiesto al suo interprete, Luciano Giugliano.

LEGGI ANCHE:– Gomorra 4: tutto quello che c’è da sapere

Gomorra 4 Micky è il personaggio da tenere d’occhio: parola di Luciano Giugliano

Originario di Sarno 33 anni, abbiamo raggiunto Luciano Giugliano telefonicamente e ci siamo fatti raccontare qualcosa di più sul suo personaggio e la sua esperienza in Gomorra 4. Dall’altra parte della cornetta ci ha risposto un ragazzo molto determinato, spiritoso, allegro, e molto molto battagliero un po’ come il personaggio che interpreta.

Per quello che abbiamo potuto vedere, Micky è un po’ diverso dai cattivi che abbiamo conosciuto fino ad ora a Gomorra. Ci ricorda per certi versi la prima Patrizia, quando ancora era innocente ed estranea alle logiche di potere e corruzione.

“Rappresenta un’immagine nuova del camorrista diversa da quelle che abbiamo visto fino ad ora. – Ci spiega Luciano – Potremmo dire che fa parte di quelli della seconda generazione, di quelli che hanno studiato. E’ una persona molto riflessiva non agisce d’istinto e anche se prende le distanze da suo padre, in realtà è molto simile a lui: come nei valori della famiglia, anche se poi ognuno la gestisce alla propria maniera.”

Questa sua diversità probabilmente deriva dal fatto di aver vissuto e studiato in un’altra città, di aver lasciato il paese a differenza dei suoi fratelli che sono rimasti sempre a casa.

“Ho immaginato che negli anni passati fuori casa, abbia dovuto dissimulare queste sue origini. – Prosegue Giugliano – Non avrà potuto gestire i rapporti interpersonali come avrebbe fatto al suo paese, dove bastava una chiamata perché qualcuno andasse a sistemare le cose per lui. Ha imparato ad essere più diplomatico. Tutto questo ovviamente lo condizionerà nel percorso che farà e che vedremo in Gomorra. Percorso che, per vari motivi, lo riporterà a Napoli.”

Definirlo un personaggio positivo non è corretto ma forse possiamo dire che in Gomorra 4, Micky è un personaggio un po’ più luminoso rispetto agli altri. E Luciano Giugliano questa luminosità se l’è costruita cercando di creare il mondo da cui arriva Michelangelo.

“Ho immaginato che negli anni in cui lui è stato via, sia stato tenuto a distanza dalle questioni e dagli affari di famiglia. E quindi ho cercato di dargli un barlume di luce, soprattutto all’inizio della storia perché ancora non ha vissuto nulla…”

Gomorra 4, Micky: ecco a chi si è ispirato Luciano Giugliano

Dobbiamo aspettarci quindi un colpo di scena, un cambiamento di Michelangelo?
Luciano ride e tace “Non posso dirti niente!” Ma poi ci racconta che sotto indicazione di Marco D’Amore, per costruire questo personaggio si è ispirato in parte al Micky Corleone de ‘Il Padrino’. Come lui ha studiato fuori è stato tenuto lontano dagli affari di famiglia… Ma lo storia di Micky Corleone sappiamo come è finita! E questo ci fa sospettare che anche in Gomorra 4 Micky potrebbe riservarci delle sorprese!

Come spesso accade, un’interprete porta sempre qualcosa di se nel personaggio che fa e viceversa. Ma questa volta lasciarsi ‘contaminare’ da Micky non è stato facile.

“Credo che in ogni personaggio ci sa qualcosa dell’interprete e in ogni interprete rimane qualcosa del personaggio. – Racconta Luciano Giugliano – Anche se questa volta non è stato proprio così. Perché farmi restare qualcosa di Micky non è stato semplice. Per quanto lui non sia per il momento tra i personaggi peggiori che abbiamo visto in Gomorra, sicuramente si occupa di una ramo della Camorra che a me da il disgusto: quello dell’ecomafia, dei rifiuti sotterrati. Il cancro della mia terra, della terra dei fuochi. Mi tocca molto da vicino perché ho avuto casi di tumori in famiglia e quindi, come puoi immaginare, tocca un nervo scoperto. E’ un ramo della Camorra che secondo me è il più efferato, perché chi spaccia fa le rappresaglie con altri camorristi. Ma nel caso dei rifiuti sotterrati a farne le spese, sono persone innocenti che hanno scelto la legalità’.

L’appuntamento con Gomorra 4 e Micky – Luciano Giugliano, è per questa sera su Sky Atlantic e Sky Cinema Uno.

foto@Rubick Comunicazione

Redazione

Ogni giorno cerchiamo i trend più significati del mondo dello spettacolo, società e della cultura.

ROMA

Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!