Sartoria Sorelle Antonini: chiusa a Roma l’unica bottega che realizzava a mano la pieghettatura dei tessuti Video

Dopo oltre 120 anni di storia, è stata costretta a chiudere la nota sartoria delle Sorelle Antonini, l'unica bottega a Roma che realizzava a mano la pieghettatura dei tessuti. Inutile l'appello alle istituzioni e alle case di moda che le sorelle Antonini ha contribuito a rendere famose nel mondo.

Ogni tentativo è stato inutile: la chiusura della Sartoria Sorelle Antonini di Roma è purtroppo divenuta realtà. Nei giorni scorsi i titolari della storica bottega famosa per la plissettatura a mano hanno consegnato le chiavi. La saracinesca abbassata segna la fine di una tradizione lunga oltre 100 anni.

Sartoria Sorelle Antonini: i motivi della chiusura

Non sono tempi facili per le antiche botteghe artigiane. La crisi si è fatta sentire anche qui, in questo negozio di via Quintino Sella a Roma, dove per 120 anni e 4 generazioni è stata tramandata la tecnica della plissettatura a mano. Così, dopo oltre un secolo di storia, la Sartoria Sorelle Antonini si è arresa all’inevitabile chiusura.

Noleggio di costumi di Carnevale a Roma, ecco i negozi dove andare

Il problema, come già successo per altre storiche attività della capitale, era l’affitto dei locali, non più sostenibile: 1.800 euro al mese a fronte di un incasso quotidiano pari a circa un terzo di quella cifra.

Non è bastato neanche vendere un mobile antico del ‘700, vanto di questa storica bottega romana che ha realizzato abiti per personaggi illustri, per pagare i debiti.

Dalle mani delle Sorelle Antonini sono venuti fuori abiti meravigliosi indossati dalle più grande attrici di Hollywood, da Liz Taylor a Greta Garbo. Non solo: il plissè del leggendario vestito bianco indossato da Marilyn Monroe nel film “Quando la moglie è in vacanza” è stato realizzato a mano proprio in questa sartoria.

 Sartoria Sorelle Antonini: vano ogni appello

Per mesi, Simona Belcastro, figlia di una delle due sorelle, e suo marito Sergio Sacco, che gestivano lo storico negozio artigianale, hanno provato di tutto pur di salvare questo vero e proprio patrimonio storico della capitale. Ma nessuno è riuscito a evitare la chiusura della Sartoria Sorelle Antonini.

Nemmeno il vicepremier Luigi di Maio, a cui mesi fa i due hanno inviato una lettera contenente un accorato appello. Silenzio anche dall’ex Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

I due hanno provato a contattare anche le grandi case di moda che hanno contribuito a rendere famose nel tempo, ma nessuno ha teso loro la mano.

Simona e Sergio chiudono non solo una bottega artigiana ma un lungo capitolo della loro vita e di quella della capitale, mentre rabbia e delusione si mischiano a un profondo senso di impotenza. Che fa sentire tutti un po’ sconfitti.

(foto @kikapress)

Francesca Caiazzo

Giornalista professionista 'Made in Calabria'. Sorrido alla vita e alle persone. Amo il mare, il cioccolato e il mio lavoro.

ROMA

Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!

 

LOLNEWS