Roma, vietato vestirsi in “abbigliamento storico”: l’alt di Virginia Raggi ai centurioni nel centro storico Video

Roma, nuova ordinanza di divieto attività dei centurioni nel centro storico. La proibizione è entrata a far parte del nuovo Regolamento di polizia urbana.

Vita dura per i centurioni romani d’oggi giorno. Il Comune di Roma ha emanato una nuova ordinanza che proibisce ai pittoreschi personaggi in cui ci si imbatte per il centro della città di farsi fotografare insieme ai turisti né gratuitamente né in cambio di denaro.

In particolare, viene rinnovato il divieto di qualsiasi attività che preveda la disponibilità ad essere ritratto come soggetto in abbigliamento storico (ad esempio come centurioni, appunto) in fotografie e/o filmati, anche senza richiesta di corrispettivo in denaro.

–LEGGI ANCHE: Blocco della circolazione a Roma, torna la domenica ecologica

Il provvedimento, che rinnova le disposizioni già emesse lo scorso mese di novembre, avrà validità fino al 31 marzo 2019 su tutto il territorio del centro storico incluso nel perimetro riconosciuto come sito dell’Unesco.

L’obiettivo è tutelare il patrimonio artistico, storico, monumentale e garantire la fruibilità e la vivibilità, da parte di turisti e cittadini, dei beni culturali, assicurando decoro e sicurezza” ha spiegato il Campidoglio in una nota.

Qualcuno ha osservato come la nuova ordinanza sia giunta inaspettata, visto che il divieto di farsi ritrarre in abiti storici nei luoghi simbolo della città sia ormai entrato nel nuovo Regolamento di polizia urbana.

Sta di fatto che, quella che per i visitatori di Roma provenienti da tutto il mondo poteva sembrare una ingenua e divertente trovata per una foto ricordo, per chi Roma l’amministra è considerata una tra le “attività non compatibili con il decoro storico e artistico” di alcuni luoghi simbolo della città.

Il fenomeno dei centurioni, insieme a quello dei cosiddetti “saltafila” e dei venditori di cibo e bevande su strada sono divenuti ingovernabili per il Campidoglio, che ora spera di mettere un freno a tali attività.

(foto @kikapress)

Francesca Caiazzo

Giornalista professionista 'Made in Calabria'. Sorrido alla vita e alle persone. Amo il mare, il cioccolato e il mio lavoro.