Gnocchi alla romana? Le origini del piatto della cultura gastronomica laziale tra diatribe e rivendicazioni Video

Semolino, burro e parmigiano: questi sono gli ingredienti principali degli gnocchi alla romana. Ma quali sono le origini di questo piatto della cultura gastronomica laziale. Ecco la storia davvero misteriosa degli gnocchi alla romana

La ricetta degli gnocchi alla romana è ampiamente nota, ma qual è l’origine di questo piatto? Per tradizione, molte trattorie di Roma servono questa pietanza di giovedì, ma pare che un tempo rappresentasse la portata da gustare nei momenti di festa. Qualcuno ha avanzato anche l’ipotesi che il piatto sia nato in Piemonte, ma ci sono diverse testimonianze che contraddicono questa teoria.

Dove sono nati gli gnocchi alla romana?

Per spiegare la diatriba sull’origine degli gnocchi alla romana bisogna partire dagli ingredienti: acqua, semolino, burro e parmigiano. Proprio questi ultimi due farebbero pensare che il piatto sia nato in Piemonte e non a Roma, dove per tradizione si sarebbe condito con olio e una spolverata di pecorino romano.

Leggi anche: Festa della patata 2019 a Roma: degustazioni, attività didattiche e show cooking >>

In realtà esistono diverse testimonianze anche storiche che ne rivendica la nascita nella città di Roma, e non solo perché gli gnocchi alla romana sono uno dei piatti maggiormente richiesti nella tipiche trattorie della capitale.

Gli gnocchi alla romana sono nati a Roma

A supporto dell’origine romana di questi particolari gnocchi, ci sono due grandi esperti di cucina e gastronomia italiana e locale.

Il grande gastronomo e scrittore, Pellegrino Artusi, vissuto a cavallo tra il 1800 e il 1900, inserì questa succulenta pietanza nel suo libro La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene come uno dei 7 piatti dichiaratamente romani.

Anche Ada Boni, nel suo libro La Cucina Romana – scritto proprio con l’intento di salvaguardare i piatti tradizionali – parla degli gnocchi alla romana come una vera e propria tradizione della Roma di un tempo.

Addirittura di una ricetta simile alla pietanza che conosciamo oggi si parla nel De re coquinaria (L’arte culinaria), opera attribuita a Marco Gavio Apicio, gastronomo della Roma del basso Impero.

Insomma, gli gnocchi alla romana sono un piatto antico che tra rivisitazioni e innovazione resiste ancora oggi sulle tavole dei romani. Malgrado il burro e il parmigiano. Con buona pace degli amici piemontesi.

(foto @kikapress)

Francesca Caiazzo

Giornalista professionista 'Made in Calabria'. Sorrido alla vita e alle persone. Amo il mare, il cioccolato e il mio lavoro.

ROMA

Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!