La Notte Bianca a Villa Medici

La Notte Bianca a Villa Medici

Notte Bianca

Accademia di Francia a Roma – Villa Medici

Les Amants irréguliers

giovedì 31 ottobre 2019 dalle 19 alle 24

La Nuit Blanche di Villa Medici, giunta quest’anno al suo quarto appuntamento, si svolgerà il 31 ottobre prossimo. A cura di Saverio Verini, il titolo di questa edizione è Les Amants irréguliers: si tratta di una citazione cinematografica ispirata al film del regista Philippe Garrel Les Amants réguliers, che rimanda a un rapporto appassionato e intenso, simile a quello che i borsisti intrattengono con Villa Medici e con la città di Roma. La Nuit Blanche vedrà protagonisti proprio i pensionnaires residenti in Villa da settembre di quest’anno a luglio 2020. Artisti visivi, scrittori, compositori, storici dell’arte, registi, architetti e designer saranno coinvolti in questo evento che riscuote da tempo un’incredibile adesione e successo da parte del pubblico; i loro interventi toccheranno gli angoli più suggestivi della Villa, ma anche quelli più appartati e sconosciuti, materializzandosi sia negli ambienti interni che in quelli all’aperto dell’Accademia, per poi svanire nella notte. Opere d’arte visiva, installazioni, proiezioni, interventi sonori e performance saranno la presentazione ufficiale al pubblico di Roma delle attività dei pensionnaires: un reciproco benvenuto all’insegna della creazione artistica.

L’intento del curatore è quello di creare un momento di incontro tra discipline e forme espressive diverse, con interventi in grado di mostrare le diverse attitudini dei borsisti; senza volersi caratterizzare come un vero e proprio tema, Les Amants irréguliers rappresenta dunque una traccia in grado di favorire la coesistenza di pratiche e poetiche eterogenee, libere di manifestarsi negli spazi della Villa, senza entrare in competizione con il luogo, ma dialogando con esso e offrendo una possibilità di visita inedita e sorprendente.

I nomi dei pensionnaires partecipanti alla Nuit Blanche 2019: Sammy Baloji (arti plastiche / fotografo); Benjamin Crotty (sceneggiatore); Pauline Curnier Jardin (sceneggiatrice); Bastien David (compositore); Samuel Gratacap (fotografo); Valentina Hristova (storica dell’arte); Mathieu Larnaudie (scrittore); Flavien Menu e Frédérique Barchelard (architetti); François Olislaeger (illustratore); Louise Sartor (arti plastiche); Fanny Taillandier (scrittrice); Mikel Urquiza (compositore); Jeanne Vicerial (designer); Sara Vitacca (storica dell’arte).

Saverio Verini (1985) è curatore di progetti espositivi, festival, cicli di incontri legati all’arte e alla cultura contemporanea. Ha all’attivo collaborazioni con istituzioni quali Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, MACRO, Accademia di Francia a Roma – Villa Medici, American Academy in Rome, Fondazione Ermanno Casoli, Fondazione Pastificio Cerere, Istituto Polacco di Roma, Civitella Ranieri Foundation. Attualmente si occupa del coordinamento mostre della Fondazione Memmo di Roma. Nel 2018 ha pubblicato per PostmediaBooks la monografia Roberto Fassone. Quasi tutti i racconti.


Segnala il tuo evento

Dai visibilità al tuo evento, segnalalo a Funweek.it

Ti aspettiamo!