Roma, botticelle ferme se fa troppo caldo. Ma c’è chi protesta per la nuova ordinanza

Foto
A Roma le botticelle restano ferme con temperature oltre i 30°. Sui social in molti si schierano contro la nuova ordinanza: ecco cosa succede
- - Ultimo aggiornamento
loading

Poco più di un anno fa la foto di un cavallo stremato al centro di Roma aveva riaperto la questione “botticelle” in circolazione nel centro della Capitale. Lo scontro fra i vetturini e gli animalisti torna ad accendersi mentre la temperatura sale e il caldo estivo inizia a farsi sentire. A Roma le botticelle non resteranno ferme: ecco come è stata regolamentata la circolazione in città.

— LEGGI ANCHE: Roma in estate, 5 luoghi da visitare senza soffrire il caldo

Roma, botticelle ferme con temperature sopra i 30°

L’ordinanza firmata dalla Sindaca Raggi è esecutiva da subito e valida fino al 30 settembre 2020. Secondo il provvedimento le botticelle non potranno circolare con temperature sopra i 30°. Sono inoltre previste norme per la tutela dei cavalli impiegati in manifestazioni ludiche e in eventi sportivi-agonistici. In osservanza delle indicazioni impartite dalla Commissione Medico Veterinaria, è inoltre introdotto  l’obbligo di ricoverare i cavalli in ambienti freschi e areati dopo la fine delle attività.

Solo pochi giorni fa si era tenuta una manifestazione in cui le numerose associazioni animaliste partecipanti chiedevano che a Roma le botticelle rimanessero ferme. Sono le medesime associazioni ad attaccare oggi il provvedimento, giudicato insufficiente rispetto agli impegni presi in passato dalla Sindaca e dall’amministrazione comunale.

Guarda la photogallery
Polemica social: le botticelle non si fermano a Roma
Roma, botticelle ferme con temperature sopra i 30°
Le associazioni animaliste schierate contro il nuovo provvedimento
Gli impegni non mantenuti dal Comune nel mirino degli animalisti