Natale, dolci tipici romani. Pangiallo: la ricetta originale

Foto
DOLCI TIPICI DI NATALE A ROMA: LA RICETTA DEL PANGIALLO Di solito il pangiallo si prepara il giorno del solstizio invernale come buon auspicio per […]
-
loading

DOLCI TIPICI DI NATALE A ROMA: LA RICETTA DEL PANGIALLO

Di solito il pangiallo si prepara il giorno del solstizio invernale come buon auspicio per la venuta di giornate piene di sole e soprattutto sempre più lunghe. E’ un dolce tipico della tradizione culinaria romana e, pensate, la ricetta ha origini antichissime tanto che addirittura risalirebbe alla Roma imperiale.

IDEE PER IL CENONE DEL 24 E IL PRANZO DI NATALE

Ricetta del Pangiallo

Ecco la ricetta del Pangiallo suggerita da ricettedellanonna.net

Ingrendienti: 300 gr di uva passa, 200 gr di mandorle tostate, 200 di noci, nocciole pelate, 200 di farina e miele; 100 gr di pinoli e altri 100 di canditi, più 300 gr di canditi e 150 gr di cioccolato e infine la buccia grattugiata di un arancio e di un limone. Per la glassa, invece, servono: 2 cucchiai di farina, 2 di olio, 1 bustina di zafferano e acqua q.b

Vi avvertiamo che il tempo richiesto per la preparazione è di circa 40 minuti, come per la cottura, quindi armatevi di pazienza e seguite passo passo le indicazioni per un ottimo pangiallo da portare a tavola.

Riscaldate il miele in un pentolino fino a renderlo liquido, unendo la buccia dell’arancio e del limone.

– Mettete l’uva passa a bagno per circa 30 minuti.

– Tritate grossolanamente la frutta secca e riunitela in una ciotola con i canditi, l’uva passa strizzata e il cioccolato tritato.

– Aggiungete il miele e mescolate. Quindi aggiungete la farina a poco a poco e mescolate bene fino a far diventare il tutto compatto.

NATALE A ROMA, COSA FARE SE SI RESTA IN CITTA'

– Con le mani infarinate formate con il composto quattro panetti e metteteli su una placca da forno a riposare per un paio d’ore.

Preparate la glassa mettendo in un pentolino a scaldare la farina, l’olio e lo zafferano sciolto in un pò di acqua. Aggiungete altra acqua per formare una pastella fluida con cui spennellare i panetti.

Infornate a 180° per 40 minuti fino a quando non si sarà formata una crosticina sopra il panetto.

– Potete rendere il pangiallo ancora più ricco aggiungendo all’impasto anche fichi secchi e pistacchi. In questo caso equilibrate le dosi diminuendo le quantità della frutta secca.

Come sempre, per restare sempre aggiornati sulle news e sui tanti eventi gratuiti che la capitale offre, seguite funweek.it/roma e non dimenticate di farci sapere come è venuto il vostro pangiallo lasciando un commento sulla nostra pagina!

Guarda la photogallery
Sarà un dolcissimo Natale 2015 con il pangiallo a tavola
Sarà un dolcissimo Natale 2015 con il pangiallo a tavola
Sarà un dolcissimo Natale 2015 con il pangiallo a tavola
Sarà un dolcissimo Natale 2015 con il pangiallo a tavola
+2