NAIP, Max  Casacci e La Rappresentante di Lista al Maker Music 2021

Maker Music al Gazometro di Roma: una tre giorni dedicata al making della musica internazionale con ospiti, talk e podcast
- - Ultimo aggiornamento
loading

Dall’8 al 10 ottobre 2021, torna Maker Music all’interno di Maker Faire Rome – The European Edition 2021. Una tre giorni al Gazometro di Roma che, con sessioni online e inedite performance in presenza, porterà a musicisti, addetti ai lavori, curiosi e appassionati le nuove frontiere del “fare musica” con alcuni ospiti d’eccezione che tra talk, podcast, showcase e performance presenteranno la loro esperienza.

NAIP, Max  Casacci, La Rappresentante di Lista Ciro Buccoleri di Thaurus Davide D’Atri di Soundreef Porca Pizza,Frenetik,  ICE ONE, Clementino, ENSI… sono solo alcuni degli ospiti che si alterneranno tra virtuale e palcoscenico live per offrire e confrontarsi pubblicamente con visioni, pratiche, nuove vie e possibili mondi in cui tecnologia e musica si incontrano creando innovazione e disegnando nuovi orizzonti.

Lo spazio live è affidato al Cubo Session: gli show esclusivi che al Gazomentro vedranno protagonisti NAIP (8 ottobre ore 16.00), LRDL (9 ottobre ore 16.00) e Max Casacci (10 ottobre ore 16.00). Un’unione errante di musica e immagini in cui il videomapping accompagnerà le sonorità degli artisti, all’interno di un cubo 4×4.

@Maker Music via HF4

Perché il tema di quesa edizione è proprio l’errare: inteso come sbagliare ma anche come cercare nuove direzioni. 

“Sbagliare viene spesso considerato come qualcosa da non fare. Ma spesso nella creatività è stato per intuizioni e scoperte che hanno cambiato il corso dell’arte e della musica”.

Andrea Lai – Direttore Artistico Maker Music

Qualche esempio? Lo scratch dei deejay nato si racconta per caso da un giovane deejay che stava provando nella sua cameretta e ripreso dalla madre stoppò i dischi con la mano mandandoli un po’ avanti e indietro, scoprendo così un nuovo suono e un nuovo modo di suonare i dischi. O l’uso imperfetto dell’auto-tune. Usato all’inizio per intonare in modo perfetto la voce dei cantanti, fu portato all’eccesso nel brano ‘Believe’ di Cher. Brano divenuto iconico.

Crediti foto@Maker Music via HF4