Giulia Anania, Roma Bombay concerto al Monk per l’autrice delle star

Non sorprende che Giulia Anania possa essere sia l’autrice super pop nascosta dietro la scrittura per Emma, Malika Ayane e Paola Turci, sia la cantante […]
- - Ultimo aggiornamento
Giulia Anania, Roma Bombay concerto al Monk per l’autrice delle star

Non sorprende che Giulia Anania possa essere sia l’autrice super pop nascosta dietro la scrittura per Emma, Malika Ayane e Paola Turci, sia la cantante che canta e racconta Roma ai romani. In fondo è come la città eterna: patrimonio universale di tutti i turisti all’ingrasso che la calpestano, che si fa paese, intensa e amara agli occhi di chi la vive ogni giorno da vicino. A Roma se cammina sui santi e sulle buche, sui cinghiali e sul curry. Si cammina sui paraculi, sugli “honesti” e si rischia di impazzire, ma una musica può fare, e Giulia canta col sorriso sulle labbra e il sole in fronte. Sfacciata e diretta descrive Roma e le sue storie, dagli argini del biondo Tevere, biondo come lei. Suona musica pop che sa a volte di Nada e suona musica pop-olare che sa a volta di Gabriella Ferri.

Il concerto è un momento sincero nel quale chi sta sul palco parla di chi sta a sentire. Solo perché ha bisogno di raccontarsi, mentre si accorge che la sua storia, è come quella di tutti noi che siamo stasera al Monk. Tutti soli, unici come i calzini che finiscono irrimediabilmente spaiati (sappiate che Giulia ha un problema serio con i calzini spaiati…). Persone giuste a cui sono successe cose sbagliate che si riuniscono in un movimento a cui Giulia Anania presta la musica e il cuore. Sul palco sono in tanti, da Lucci a Paola Turci, a Giorgio Tirabassi, a Francesco Fiore della Med Free Orkestra. Compagni di sentimenti, che il palco sembra piazza Trilussa di tanti anni fa, con i contanti, i bulli e i poveracci a scollettare. Perché Trastevere prima era un posto pericoloso e ora tutta Roma è un posto pericoloso, perchè il pericolo è quello di perdersi e rimanere soli, spaiati e ogni tanto riunirsi e cantare di noi in romano, insieme a Giulia Anania, aiuta a ricordarci cosa possiamo essere.