Da censurare immediatamente: appello alla Raggi per l’immediata rimozione dei nuovi manifesti di ProVita Foto - Video

Roma, appare un nuovo manifesto dell'associazione ProVita, questa volta contro l'utero in affitto. Il messaggio del manifesto è stato ritenuto omofobo e lesivo. La città si rivolta e si moltiplicano gli appelli alla Sindaca di Roma affinchè sia rimosso.

Dopo il manifesto anti-aborto ad Aprile, ProVita passa ancora il segno

Spuntano dei nuovi manifesti di ProVita e Generazione Famiglia, onlus cattolica la prima e associazione laica la seconda. Già ad Aprile ProVita era stata massacrata dall’opinione pubblica per via di un raccapricciante manifesto anti-aborto. Fortunatamente quell’orrore fu rimosso seduta stante.

Questa volta nel mirino ci sono le coppie che vorrebbero ricorrere all’utero in affitto per aggiungere un bimbo alla loro famiglia. La parola “vorrebbero” è sottolineata perchè in Italia questo servizio a favore delle famiglie non è disponibile in quanto illegale.

Com’è fatto questo manifesto? Fondo scuro. In primo piano, dentro ad un carrello della spesa, un bambino a petto nudo, con un codice a barre stampato addosso. Dietro di lui due giovani uomini, marcati con le scritte “genitore 1” e “genitore 2”. Il messaggio vorrebbe essere: se due uomini che stanno insieme ricorrono all’utero in affitto, stanno comprando un bambino come se fosse merce.

‘E’ intollerabile… Tagliategli le mani’, grande rabbia per quanto accaduto a Roma, in via dell’Arco di San Calisto

Contro la campagna di ProVita: si moltiplicano gli appelli per la rimozione immediata

I manifesti sono stati affissi contro le amministrazioni di Roma, Milano, Torino e Napoli. Nella Capitale la comparsa del cartellone ha suscitato da una parte perplessità, dall’altra indignazione e disgusto. I messaggi in rete e le varie dichiarazioni sono molto chiare: i manifesti vanno rimossi.

Antongiulio Pelonzi, capogruppo PD

“I provocatori e offensivi manifesti dell’associazione ProVita violano il codice etico di Roma capitale e lanciano un messaggio chiaramente di stampo omofobo. Ancora una volta a Roma sono stati affissi manifesti che ledono i diritti delle persone e prendono di mira le famiglie arcobaleno. La sindaca Raggi ne disponga la rimozione e prenda le distanze da chi promuove messaggi equivoci e oscurantisti”

Monica Cirinnà, senatrice PD, rincara la dose su Twitter

“Ancora manifesti contro diritti delle persone. Lo sa Virginia Raggi che esiste il codice etico di #RomaCapitale? Li faccia rimuovere subito e faccia una telefonata a Chiara Appendino per farsi spiegare cosa deve fare un sindaco contro le discriminazioni”

In una nota diffusa da ANSA, Virginia Raggi si è subito espressa contro i manifesti ed ha espresso l’urgenza di rimuoverli:

“La strumentalizzazione di un bambino e di una coppia omosessuale nell’immagine del manifesto offendono tutti i cittadini”

Guarda la photogallery
Dopo il manifesto anti-aborto ad Aprile, ProVita passa ancora il segno
La provocazione contro Roma, Milano, Torino e Napoli
All'appello la Sindaca di Roma risponde così

Alessandra Zoia

Nata e cresciuta a Roma, mi piace girare per eventi con videocamera alla mano. Passioni in ordine sparso: arte, danza, calcio, comics, games e videogames, cinema, teatro, serie tv, musica. Book addicted. Sono una nerd prestata alla nightlife.

ROMA

Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!