Aperitivo a Roma? Ecco come è cambiato dall’antica Roma ad oggi

Foto
L'aperitivo - alcolico o analcolico, a buffet o light - è un momento di piacere e convivialità. Le origini di questa usanza? Nell'antica Roma!
-
loading

Sembra incredibile ma persino l’invenzione dell’aperitivo è da attribuire agli antichi romani. Scoprire poi cosa ci fosse sui loro taglieri e nei loro bicchieri potrebbe sorprendere ancora di più.

Se oggi sappiamo cosa piacesse mangiare e bere nella Roma antica lo dobbiamo a diversi autori, filosofi e politici che hanno scritto e tramandato usi e costumi dei loro tempi. Parliamo di Lucullo, Apicio e Petronio, principalmente, ma anche a Marziale, Seneca e Catone – quest’ultimo ad esempio ha trascritto la sua ricetta per il pane da sacrificare agli Dei.

In tempi antichi le tavole dei romani erano molto semplici, con pasti frugali e poco elaborati. Più avanti, via via che andavano a sottomettere militarmente popoli più evoluti – come i Greci – i romani iniziarono ad assorbire alcuni aspetti delle culture straniere, come quelli legati all’alimentazione; le ricette divennero più elaborate e i banchetti più sontuosi.

L’aperitivo nell’antica roma e il mulsum

Oggi “fare l’aperitivo” significa sedersi a chiacchierare con gli amici intorno a un tavolo e consumare qualche stuzzichino sorseggiando una bevanda, alcolica o analcolica, prima di pranzo o di cena.

Nell’antica Roma questo momento faceva parte di un banchetto di sette portate; la prima era chiamata gustatio ed era molto simile, appunto, agli antipasti o a un moderno aperitivo. Si partiva da verdure crude condite – tipo pinzimonio – formaggi, focaccine, uova sode, fino ad arrivare a salsicce, ostriche e ricci di mare.

I gladiatori erano vegetariani? La particolare dieta degli Antichi Romani

Questi “piattini” erano chiamati promulsus perchè dovevano essere consumati con il mulsum cioè il drink dell’antica Roma, un vino aromatizzato al miele, altamente alcolico.

Guarda la photogallery
L'aperitivo? Un'invenzione di Roma (antica)
Com'è cambiata la tavola dei romani?
Una cena leggera? Sette portate!
Gustatio, mulsum e promulsus