Salvo Sottile da licenziare per il Codacons: la risposta del conduttore

Foto
Salvo Sottile è accusato di aver "infamato" il Codacons e di non invitare mai a "Mi manda Raitre" l'associazione dei consumatori
- - Ultimo aggiornamento

Il Codacons si scaglia contro Salvo Sottile, conduttore di “Mi manda Raitre”, chiedendo all’azienda il suo licenziamento: secondo l’associazione dei consumatori il giornalista li avrebbe diffamati con diversi interventi social e per questo è stata sporta anche una denuncia nei suoi confronti.

Salvo Sottile Codacons, cosa è successo

La storia inizia a marzo, quando diversi personaggi famosi, fra cui Fedez e Salvo Sottile, lanciano delle campagne di raccolta fondi per aiutare gli ospedali italiani a reggere l’onda d’urto del Coronavirus, che stava facendo migliaia di vittime al giorno e intasava drammaticamente le terapie intensive.

LEGGI ANCHE: — Anche il virologo Burioni nel mirino del Codacons: quel post a favore di Fedez e Ferragni al centro delle polemiche

La piattaforma scelta per queste raccolte è GoFundMe, molto usata per le campagne di beneficenza in tutto il mondo: sui metodi di questa piattaforma è molto critico il Codacons, che parlò di “commissioni ingannevoli” ai danni dei donatori. L’attacco scattò anche contro chi stava utilizzando GoFundMe per le proprie raccolte, quindi Fedez e Chiara Ferragni (che con la loro iniziativa hanno raccolto 4 milioni e mezzo circa di euro, destinati all’ospedale San Raffaele di Milano che ha potuto così triplicare i suoi posti di terapia intensiva), ma anche Salvo Sottile, che si stava molto spendendo in quei giorni sui social per informare correttamente il pubblico e per raccogliere fondi destinati alle terapie intensive.

Codacons contro Salvo Sottile, che risponde così

Il Codacons afferma dunque che Salvo Sottile avrebbe denigrato più volte l’opera del Codacons, soprattutto in riferimento all’attacco a GoFundMe, e che per questioni di antipatia personale non li inviterebbe mai nel programma che conduce, “Mi manda Raitre”.

Questa la replica di Salvo Sottile, affidata ad AdnKronos: “Non c’ è assolutamente, da parte mia, nessuna antipatia personale nei confronti di Rienzi. ‘Mi manda Rai 3 è un fiore all’ occhiello del servizio pubblico, è al servizio di tutti e rispetta tutte le associazioni dei consumatori. Risponde solo alle disposizione della rete e della struttura che lo guida. Io sono solo il conduttore, per il resto c’ è un team di autori che coordina gli interventi delle varie associazioni, non ho il potere di inibire la presenza di nessuno”

Guarda la photogallery
Codacons contro Salvo Sottile:
La raccolta fondi dei Ferragnez e di Sottile nell'occhio del ciclone
Il Codacons conto GoFundMe e i suoi utilizzatori
Salvo Sottile replica così
+1